Michele Malvestiti lancia Sabaudia: “Gruppo coeso e con tanta voglia di lavorare”

57
Foto Sabaudia Pallavolo

Di Redazione

Continua il programma di avvicinamento al campionato di Serie A3 maschile per la Sabaudia Pallavolo. La squadra allenata da coach Marco Saccucci, in questa fase della preparazione, sta sostenendo alcuni allenamenti congiunti (finora con Fenice Roma, Genzano e Tuscania) per testare la squadra.

Siamo contenti di quello che siamo riusciti a esprimere in campo in questi test match – spiega il coach – che per noi sono opportunità per analizzare tanti fattori. In noi ho visto spirito di sacrificio e dedizione alla causa, sono cose che vanno allenate ed è un bene che in questa fase possano venire fuori, perché sono convinto che nel corso del campionato ci serviranno. Ho visto la squadra ben focalizzata sul lavoro che dobbiamo fare in questa fase per farci trovare pronti alla partenza della stagione, che continua ad avvicinarsi a grandi passi“.

Tra i volti nuovi di Sabaudia c’è anche Michele Malvestiti, classe 1998, opposto nato a Seriate (Bergamo) alto 198 centimetri, che proviene dallo Scanzo Volley di Serie B, dopo aver fatto esperienza anche in A2 a Cantù e Brescia. “Ero molto ansioso di riprendere ad allenarmi dopo la delusione della finale play off – racconta lo schiacciatore – e mi sono preparato senza fermarmi mai tra allenamenti in palestra e il Beach Volley. Fin dal primo giorno di questa preparazione ho notato subito una grandissima voglia di lavorare da parte di tutto il gruppo, che si è subito rivelato coeso. Credo che questi siano elementi chiave per la riuscita di un buon campionato e non vedo l’ora di togliermi le prime soddisfazioni con questa maglia“.

Mi aspetto un campionato molto lungo – aggiunge Malvestiti – e lo affronteremo con giovani che hanno entusiasmo e talento, in un gruppo che può vantare anche giocatori di grande esperienza che potranno dare una guida autorevole a tutto il resto della squadra. Non vedo l’ora di vedere il palazzetto pieno di tifosi, e il nostro obiettivo sarà quello di farli appassionare per farli tornare alla partita successiva“.

(fonte: Comunicato stampa)