La CEV si riunisce ad Arnhem: “Il futuro del volley europeo è brillante”

66
Foto CEV

Di Redazione

Tempo di riunioni istituzionali per la pallavolo internazionale: in coincidenza con i Campionati Mondiali femminili, la città di Arnhem nei Paesi Bassi sta ospitando in questi giorni le annuali riunioni dei più importanti organismi di governo del volley europeo e mondiale, prima la CEV e poi – da venerdì 23 a domenica 25 settembre – la FIVB.

Foto CEV

Alla 43esima assemblea generale della Confederazione europea sono intervenuti i rappresentanti di 52 Federazioni nazionali: “Vi invito – ha detto il presidente Aleksandar Boricica spendere la maggior parte del tempo che passerete qui scambiandovi informazioni, imparando l’uno dall’altro e sviluppando proposte e idee che potranno aiutarci ad alzare ulteriormente il livello del nostro sport. Anche se celebreremo adeguatamente i successi e i traguardi raggiunti, ci focalizzeremo soprattutto sul futuro“.

Particolarmente significativa la coincidenza tra l’assemblea della CEV e quella della FIVB, rappresentata dal presidente Ary Graça: “È la seconda volta che ci riuniamo alla vigilia del congresso mondiale – ha sottolineato Boricic – questo dimostra che la famiglia del volley è unita, e posso assicurare al presidente della FIVB che abbiamo il potere e le conoscenze per supportare e aiutare anche le altre Confederazioni. Ci aiuteremo l’un l’altro e, con il piano strategico su cui stiamo lavorando, sono sicuro che il futuro per la pallavolo europea sarà più brillante che mai“.

Il presidente ha poi elencato alcuni dei risultati ottenuti negli ultimi anni: 25 milioni di euro investiti dal 2018 a oggi in premi per gli atleti, un budget annuale innalzato a 21 milioni, l’introduzione dei Campionati Europei Under 21 e Under 22 per agevolare il passaggio dalle categorie giovanili a quelle Seniores, il coinvolgimento di 19 paesi nell’organizzazione delle competizioni continentali e di 151 allenatori nella recente Coaches Convention, la prima edizione della Beach Volley Nations Cup. E ancora: 3200 partite organizzate dall’ultima assemblea, il ritorno in campo dello Snow Volley e la partecipazione da record (216 squadre) alle prossime Coppe europee.

Per l’Italia sono intervenuti il presidente della Fipav Giuseppe Manfredi, il segretario generale Stefano Bellotti e il general manager delle nazionali Libenzio Conti. “Da presidente federale – ha esordito Manfredi – non posso che essere orgoglioso ed entusiasta degli incredibili risultati ottenuti dalle nostre squadre in questa stagione che rimarrà ben impressa nella nostra già gloriosa storia. Tutte le nostre ragazze e i nostri ragazzi stanno facendo qualcosa di davvero straordinario, inanellando una serie di successi che contribuiranno a spingere ancora più in alto la nostra tanto amata disciplina nel panorama sportivo nazionale, europeo e, permettetemi, mondiale“.

Non capita molto spesso – ha continuato Manfredi – di poter assistere a simili risultati che si stanno susseguendo con una continuità che ha dell’incredibile; ciò che sta accadendo è il risultato delle scelte fatte qualche tempo fa, e probabilmente siamo stati bravi e fortunati nel prenderle. Non sta a me giudicare il nostro stesso operato, ma credo si possa affermare con assoluta certezza che quanto si stia verificando in questo 2022 sia assolutamente un qualcosa da ricordare e che in qualche modo testimonia lo stato di salute della pallavolo del Vecchio Continente: anche ai recenti Campionati del Mondo Maschili, non a caso, 3 delle 4 semifinaliste erano europee e, a mio avviso, questo è un dato inconfutabile e degno di nota“.

Da anni, ormai – ha concluso il presidente Fipav – noi tutti che rappresentiamo la Confederazione Europea abbiamo preso un impegno e quotidianamente lavoriamo affinché le nostre nazionali primeggino a livello planetario, ma ciò che conta per noi non sono solo i risultati. Parlo, evidentemente, della promozione della disciplina sportiva sul territorio, della trasmissione di valori morali, del senso di appartenenza alla grande e gloriosa famiglia della pallavolo europea“.

Vi invito a condividere la vostra esperienza con i colleghi delle altre Confederazioni: è un dovere che abbiamo, al fine di aiutare gli altri paesi a sviluppare la pallavolo con lo stesso successo che avete avuto in Europa sotto la guida di Mr.Boricic” ha concluso Ary Graça, che oggi ha diretto la riunione del Consiglio di Amministrazione della FIVB (chiamata tra l’altro ad approvare il bilancio 2021 di Volleyball World) prima dell’inizio del congresso in programma domani.

(fonte: CEV, FIVB)