C femminile: Pallavolo Cascina tra saluti e conferme

64
Foto Lorenzo Barsotti/Pallavolo Cascina

Di Redazione

Una nuova stagione è alle porte per la Pallavolo Cascina, anche quest’anno impegnata nel campionato di Serie C femminile. La squadra toscana sarà nuovamente affidata a Emanuele Lazzerini, tecnico arrivato ormai al nono anno di collaborazione: a lui il compito di formare e far crescere un gruppo molto giovane, cercando di sopperire alle numerose partenze. L’auspicio del club è quello di mantenere alta la competitività dopo la stagione d’esordio in C, terminata con la partecipazione ai playoff promozione.

Rispetto allo scorso campionato, hanno lasciato la squadra per motivi professionali e personali Noemi Bosco, Anais Crescini, Alessia Papeschi, Francesca Pecene e Marianna Ricci. Il nuovo roster riparte invece da capitan Eleonora Corti, che ha concluso brillantemente la prima stagione integrale nel ruolo di opposto, confermandosi come punto di riferimento dentro e fuori dal campo. In diagonale con lei, in cabina di regia, agirà ancora Giulia Cerri, che sarà chiamata non solo a guidare la squadra in campo, ma anche ad essere un caposaldo per le più giovani.

Nel reparto schiacciatrici conferme per Camilla Simoncini, sorpresa positiva dello scorso campionato, Francesca Corti, che torna stabilmente in posto 4 dopo essersi districata nella scorsa stagione tra il ruolo di banda e quello di libero, e Martina Bartali, che già nell’ultima annata aveva dato il proprio contributo sia da play che da schiacciatore.

Al centro ci saranno ancora Eleonora Passaglia e Gioela Leto, autrici di una stagione decisamente positiva, pronte a mettere di nuovo a diposizione della squadra le loro doti fisiche e tecniche. A guidare la seconda linea sarà ancora Francesca Fiaschi, che, dopo la stagione d’esordio in categoria, ha rinnovato con entusiasmo la propria disponibilità. Sono 8 quindi le ragazze confermate, che avranno l’onere e l’onore di dare continuità al gruppo della scorsa stagione e di fare da traino per le nuove arrivate, chiamate a mettersi rapidamente al passo.

(fonte: Comunicato stampa)