Al Palamarignano va in scena il primo trofeo internazionale “Città di San Giovanni in Marignano”

71
foto Volley San Giovanni

Di Redazione

Dopo il bagno di folla in occasione della presentazione dell’Omag-Mt e l’euforia che cresce con il trascorrere dei giorni per l’approssimarsi dell’avvio del campionato nazionale di volley femminile A2, i dirigenti marignanesi hanno confezionato un ulteriore regalo ai propri tifosi, organizzando un torneo internazionale.

Venerdì 30 settembre e sabato 1 ottobre gli amanti della pallavolo potranno ammirare il quadrangolare di volley internazionale cui partecipano, oltre all’Omag-Mt, il team del Turk Hava Yollari di Istanbul, allenato da Marcello Abbondanza, che in questa stagione sportiva parteciperà alla Champions, essendosi classificato 4° nella Sultanlar Ligi; la formazione del CSM Targoviste di coach Giovanni Caprara, che milita nel massimo campionato rumeno e che sarà protagonista in Coppa CEV e il Cuneo Granda S. Bernardo di A1, allenata da Emanuele Zanini.

Il calendario prevede il primo incontro venerdì 30 settembre alle ore 16.00 con la partita Cuneo – Targoviste (Romania). A seguire alle ore 19.30 la gara Omag-Mt – Turk Hava Yollari (Istanbul). Sabato 1° ottobre alle ore 16.00 è in programma la finale per il 3° – 4° posto mentre alle 19.30 si disputerà la finale per il 1° e 2° posto.

L’ingresso è ad offerta libera, i proventi del venerdì saranno devoluti alle attività della Mondo Charge e quelli del sabato alla Live Onlus.

Mondo Charge è un’associazione fondata da persone con la Sindrome Charge e dai loro familiari. La Sindrome Charge è una malattia rara caratterizzata da anomalie che sono presenti sin dalla nascita. E’ riconosciuta come una delle maggiori cause di sordità e cecità. Ha un’incidenza di 1/12.000 nati vivi e colpisce in egual modo sia maschi che femmine. La Sindrome Charge è dovuta ad uno o più errori durante lo sviluppo embrionale, che producono anomalie e malformazioni su diversi organi. Sono associate a questa Sindrome più di quaranta anomalie e questo la rende una delle più complesse patologie sia dal punto di vista medico che evolutivo.

Live Onlus, Associazione no profit, è stata costituita con l’obiettivo di raccogliere fondi per finanziare importanti progetti: da un lato il Progetto “Cuore Batticuore”, con il quale vengono donati i preziosi apparecchi salvavita, i defibrillatori (o Dae) a Centri Sportivi, Scuole, Associazioni Sportive, Comuni ed oggi punto focale dell’Associazione; e dall’altro dei progetti extra, con scopi e obiettivi diversi (ad esempio la donazione di abbigliamento vario, scarpe e sacchi a pelo per le zone terremotate).

(fonte: Comunicato Stampa)