Presentate le relazioni dei CT azzurri. Quale futuro per Mazzanti?

1024
Foto Federazione Italiana Pallavolo

Di Redazione

Si sono conclusi oggi a Napoli i lavori del Consiglio Federale della Fipav, riunitosi nella città partenopea in occasione del sorteggio dei Campionati Europei 2023. La seduta è stata quasi interamente dedicata alle relazioni dei direttori tecnici delle nazionali: Fefè De Giorgi e Davide Mazzanti per le squadre Seniores, Marco Mencarelli e Julio Velasco (in video-collegamento da Roma) per le giovanili, Luigi Dell’Anna per il Beach Volley e Guido Pasciari per il Sitting Volley.

Anche se, ovviamente, non se ne è parlato nel corso del Consiglio, il grande punto interrogativo per il futuro riguarda un possibile avvicendamento al timone della nazionale femminile: la decisione dovrà essere presa nelle prossime settimane, anche se Mazzanti (che ha chiuso la stagione con l’oro alla VNL e il bronzo ai Mondiali) ha già presentato il suo progetto per il 2023, concentrato sugli Europei e sulle qualificazioni alle Olimpiadi.

Per il resto, se Julio Velasco ha sottolineato nel suo intervento l’importanza di svolgere quasi interamente la preparazione delle nazionali giovanili in un’unica sede (Zocca), Mencarelli ha presentato alcune proposte per lavorare sulla formazione di nuove “top player” che possano rientrare nei piani della nazionale maggiore. Pasciari, infine, ha chiesto che anche i Campionati Europei 2023 di Sitting Volley vengano organizzati in Italia.

Nel corso della riunione, la Federazione Italiana Pallavolo ha fissato per domenica 22 gennaio 2023 a Roma la data dell’assemblea straordinaria per le variazioni allo Statuto, rese necessarie dalla prossima entrata in vigore delle nuove norme sul vincolo sportivo. Le proposte di modifica verranno raccolte nelle prossime settimane attraverso la Consulta nazionale dei presidenti regionali e gli organi periferici.

Infine, il Consiglio Federale ha deliberato il contributo per la produzione di un docufilm celebrativo sulle vittorie delle nazionali Seniores nel biennio 2021-2022.

(fonte: Comunicato stampa)