I playoff scudetto iniziano con l’amaro in bocca per il Südtirol Bolzano

227
FOTO FILIPPO RUBIN / LVF

Il “ballo delle debuttanti” nei playoff premia, in questa prima partita della serie, Il Bisonte Firenze. La formazione toscana ha superato, nel match d’andata, il Südtirol Bolzano in tre set ma adesso la serie di questi ottavi di finale si sposta a Bolzano. Dove, al PalaResia, il prossimo lunedì 3 aprile, la formazione altoatesina ha l’obbligo di vincere per portare a casa la qualificazione ai quarti di finale. Lo scontro fra le due squadre all’esordio assoluto nei playoff scudetto, così, va alla formazione allenata da Marco Bracci.

IL BISONTE FIRENZE – SÜDTIROL BOLZANO 3-0
PARZIALI: 28-26, 25-21, 25-21
IL BISONTE FIRENZE: Bechis 1 (1att), Sorokaite 13 (12att + 1m), Bayramova 14 (11att + 2m + 1ace), Enright 12 (11att + 1m), Melandri 7 (2att + 5m), Calloni 14 (9att + 4m + 1ace), Parrocchiale (L); Norgini, Bonciani, Pietrelli.
Non entrati: Brussa, Repice.
Allenatore: Marco Bracci
SÜDTIROL BOLZANO:  Pincerato 3 (1m + 2ace), Popovic-Gamma 5 (5att), Papa 11 (10att + 1m), Bartsch 19 (18att + 1m), Bauer 8 (7att + 1m), Zambelli 2 (2m), Bruno (L); Bertone 2 (2att), Ikic 1 (1att), Matuszkova 2 (1att + 1m).
Non entrate: Spinello.
Allenatore: Francois Salvagni.
ARBITRI: Tertù e Fierozzi di Ascoli Piceno.
DURATA SET: 30′, 24′, 29′.
NOTE- Il Bisonte Firenze: 2 ace, 13 muri, 5 errori in battuta, 9 errori in attacco, 39% in attacco, 76% di ricezione positiva con il 48% di perfette.
Südtirol Bolzano: 2 ace, 7 muri, 7 errori in battuta, 8 errori in attacco, 35% in attacco, 65% di ricezione positiva con il 46% di perfette.

IL SÜDTIROL BOLZANO SI QUALIFICA AI QUARTI SE…
Vincerà 3-0 la gara di ritorno in programma al PalaResia e, poi, vincerà anche il Golden Set di spareggio al 15esimo punto. Se, invece, Il Bisonte Firenze vincerà un set durante la partita (perdendo quindi 1-3) oppure perderà 0-3 ma vincerà il Golden Set di spareggio allora ai quarti di finale si qualificherà la formazione toscana.

LA PARTITA
Decisivo, alla fine, fu il primo set. Perché vincere un primo parziale tiratissimo e molto equilibrato dall’inizio alla fine ha dato al Bisonte Firenze la carica giusta per essere poi più cinico e concreto nella parte di finale di secondo e terzo parziale. Perché anche i successivi parziali hanno visto i due sestetti restare a braccetto per lungo tempo, salvo che nel finali dei parziali dove Il Bisonte Azzurra ha saputo essere più incisivo. Tanto che in quasi tutti i fondamentali il rendimento di toscane ed altoatesine è stato molto simile, tranne che a muro dove (13 a 7 il computo totale per le padrone di casa) nel finale di set Il Bisonte ha trovato alcuni punti importanti. Alle altoatesine non è bastata la prestazione di alto livello della schiacciatrice americana Michelle Bartsch, mattatrice con i suoi 19 punti (50% in attacco ed un muro), perché il resto della palla alta è stata troppo altalenante. Bene anche capitan Bauer che, in attacco soprattutto (64% di media), ha saputo far male al muro-difesa della formazione toscana.

LA CRONACA DEL MATCH
In avvio coach Bracci conferma il sestetto con Bechis in palleggio e Sorokaite opposto, Bayramova ed Enright schiacciatrici, Melandri e Calloni centrali con Parrocchiale libero.
Francois Salvagni può contare anche su Bartsch (nonostante un ginocchio non al meglio) in posto-4 con Papa, il resto del sestetto è quello consueto con Pincerato in regia, Popovic-Gamma opposto, Zambelli e Bauer centrali con Bruno libero.

PRIMO SET: l’avvio è subito molto equilibrato (7-7), con entrambi i sestetti che spingono al massimo fin da subito in fondamentali quali battuta e difesa. L’equilibrio (9-9) regna sovrano, con i due sestetti che mettono in scena un cambio-palla praticamente perfetto, tanto che gli errori sono pochi e si battaglia palla su palla (12-12). Sbaglia anche Sorokaite (16-16), subito imitata da Popovic-Gamma il cui attacco in rete porta Il Bisonte sul 19-17 costringendo Salvagni a giocarsi il secondo ed ultime time-out discrezionale. Bayramova mette a segno il 20-18 mantenendo il break di vantaggio ma Bauer tiene le arancioblù in scia, ma la nuova parità è lì dietro l’angolo ed arriva quando Popovic-Gamma spara fortissimo da posto-1: 20-20. E time-out questa volta per Marco Bracci. Nel combattuto finale di set smash vincente per Bartsch e Sorokaite attacca out per il 22-20 a favore del Südtirol: Bracci ferma subito nuovamente il gioco. Ma nemmeno le altoatesine sono immune dagli errori ed arriva la nuova parità, prima che Melandri non stampi a muro Popovic-Gamma riportando avanti, 23-22, le toscane.  Che diventa 24-22 con l’ace di Bayramova che piazza la palla proprio sulla linea di bordo campo in posto-1 nella metà campo altoatesina, per la prima palla set a favore del Bisonte. Bartsch annulla la prima palla set e Papa anche il secondo, piazzando l’ace della nuova parità: 24-24. Il video check trasforma un errore di Sorokaite in un punto (pallone toccato a muro dal Südtirol) per Firenze (25-24), ancora Bartsch annulla la nuova palla set delle padrone di casa (25-25) quindi a decidere il set sono i due muri consecutivi de Il Bisonte su Popovic-Gamma: prima di Calloni e poi di Enright per il 28-26 a favore delle toscane. I due sestetti proseguono a braccetto anche in avvio di secondo set (5-5), ma quando Calloni piazza il punto dell’8-5 a favore delle toscane allora Salvagni si gioca subito un time-out discrezionale.  Bracci fa la stessa cosa dopo l’ace di Pincerato (8-7) che riporta subito le arancioblù in scia. Ambedue le squadre al servizio spingono molto e Calloni restituisce subito “il favore” con l’ace dell’11-8. Anche questo secondo parziale vede i due sestetti proseguire “a fisarmonica”, staccandosi e riavvicinandosi a vicenda: ace (da ambo le parti) e muri (soprattutto per Firenze) sono decisivi. Tanto che i muri di Bayramova e Melandri spingono le toscane sul 13-10. Salvagni decide di inserire Tereza Matuszkova al posto di Popovic-Gamma. Quando Bayramova indovina la pipe del 15-11 coach Salvagni si gioca il secondo ed ultimo time-out discrezionale. In questa fase, però, Il Bisonte trova un attacco decisamente più efficace di quello altoatesino, Bayramova fa 19-14.  Dentro Bertone per Zambelli e subito l’ex di turno mette a terra il suo primo pallone, Bauer mura e siamo 20-17. Attacco out di Papa per il 22-17, dentro Ikic proprio al posto della schiacciatrice ligure, la croata prova a tenere vive le speranze arancioblù (23-19). Ma ormai è tardi, perché Melandri si guadagna la prima palla set ma Bartsh annulla le prime due (24-21), ma al terzo tentativo Il Bisonte chiude con il pallonetto di Calloni per il 25-21 finale.

TERZO SET: Salvagni conferma in campo Bertone, Ikic e Matuszkova in campo al posto di Zambelli, Papa e Popovic-Gamma. Il primo allungo è delle padrone di casa (5-3), ma Matuszkova chiude la porta ad Enright e stampa il muro della nuova parità (5-5). Ma ancora una volta la partita è caratterizzata da break e contro break: con il servizio di Enright arriva un allungo di 4-0 delle toscane, che vanno avanti 9-5. Bartsch si conferma la più continua in attacco delle sue e realizza i due punti di fila che riportano sotto il Südtirol (10-9) e costringono Bracci a spendere un time-out. Quando Sorokaite spara out in attacco la nuova parità (12-12) è servita. Sul 15-14 torna Papa in campo al posto di Ikic, ma subito Matuszkova attacca out per il 16-14 a favore delle padrone di casa: Calloni mura la neo entrata Papa e sul 17-14 (break di 3-0 per le toscane) Salvagni chiama subito time-out. Bertone in battuta e l’errore di Enright in attacco regalano alle bolzanine la nuova parità (17-17). Bayramova ferma a muro Matuszkova per il 19-17, subito imitata da Melandri su Papa (21-18) e Bayramova ancora mette a terra la ricostruita del 22-18. Nel finale torna in campo Popovic-Gamma per Matuszkova ed il Südtirol Bolzano prova a lottare con le unghie e con i denti, ma prima la “solita” Bayramova e poi Sorokaite mettono a terra i palloni che valgono il 25-21 finale.

I RISULTATI DEI PLAYOFF
Ottavi di finale
Il Bisonte Firenze – Südtirol Bolzano 3-0
(28-26, 25-21, 25-21)
Saugella Team Monza – Unet Yamamay Busto Arsizio 1-3
(25-27, 25-18, 20-25, 16-25)

Gare di ritorno a campi invertiti lunedì 3 marzo 2017 alle ore 20.30.

Quarti di finale
Imoco Conegliano – vincente Bolzano/Firenze
Liu Jo Nordmeccanica Modena – Foppapedretti Bergamo

Pomì Casalmaggiore – vincente Monza/Busto Arsizio
Savino Del Bene Scandicci – Igor Gorgonzola Novara