Montecchio, Mazzon: “Io come Egonu? Non ho idoli e non voglio somigliare a nessuno”

128
foto Roberto Muliere

Di Redazione

È contenta di essere stata confermata per il secondo anno nella squadra di volley di serie A2 Montecchio Maggiore – Ipag Sorelle Ramonda, Giorgia Mazzon, padovana di Santa Giustina in Colle, classe 1998, ruolo schiacciatrice e opposta.

In questa stagione si ritroverà a fare da veterana  in una squadra giovane, con molti innesti nuovi, così come è nuovo l’allenatore che guiderà il team berico in questa stagione. “Sono contenta di essere rimasta nel Montecchio e con il coach mi sto trovando molto bene – dice la giocatrice -. Non lo conoscevo, ma già dalla videochiamata di quest’estate ho capito che avrei avuto un ottimo feeling. Mi piace perché è diretto e concreto e riesce sia ad avere una visione a 360 gradi sul gioco di squadra, sia ad inquadrare ogni atleta e a fare con lei un lavoro personalizzato. Così si riesce a crescere e a migliorare. Anche con le nuove compagne sto legando bene, anche perché siamo accomunate dalla voglia di lavorare e da un grande entusiasmo”.

Giorgia Mazzon, sotto rete, è vista dalle avversarie come un cecchino che non perdona. Potente e determinata, quando è in giornata non ce n’è per nessuna. “Dopo l’infortunio che mi aveva costretta a un lungo stop, sono tornata con più grinta e voglia di fare: qualsiasi palla mi capiti sottomano la tiro. Quest’anno voglio trovare più colpi, più varietà di gioco. Mi piace far valere la mia individualità. Spesso mi accostano a Paola Egonu, perché, come me, anche lei è nata a Cittadella. Ma io non ho idoli e non voglio assomigliare a nessuno: mi piace spiccare per la mia personalità. L’anno scorso abbiamo chiuso al quinto posto e la prossima stagione mi aspetto un altro campionato di vertice, per essere poi pronte a giocarcela fino alla fine”.

(fonte: Comunicato stampa)