Freek De Weijer si presenta a Piacenza: “Qui ho tantissimo da imparare”

115
Foto You Energy Volley

Di Redazione

La scuola di lingue The Language Club ha tenuto a battesimo il primo momento ufficiale del palleggiatore olandese Freek De Weijer da giocatore della Gas Sales Bluenergy Piacenza. Alla presentazione ufficiale del regista, alla sua prima stagione in SuperLega, erano presenti l’amministratore unico della società Isabella Cocciolo, il secondo allenatore Massimo Botti e la titolare della scuola, Michela Pinazzi.

Sono felicissimo di essere qui a Piacenza – sono le parole di De Weijer – e potere giocare a fianco di tanti campioni. Ho solo da imparare, e la possibilità di giocare a Piacenza è importantissima per la mia crescita. I Mondiali? Non mi aspettavo di fare parte del gruppo, è stato un momento indimenticabile ed emozionante, e credo che possa esserlo anche la stagione qui a Piacenza. Antoine Brizard è uno dei migliori al mondo nel ruolo di palleggiatore, posso solo imparare da lui ed è quello che cercherò di fare. Abbiamo lavorato insieme solo in due allenamenti, ma mi trovo molto bene qua e farò di tutto per dare il mio contributo affinché la squadra possa raggiungere traguardi importanti“.

Da lunedì potremo essere al completo – ha detto Botti –, in queste settimane eravamo in pochi e abbiamo lavorato parecchio a livello individuale, ma certo mancano il ritmo partita e tutto il resto. Avremo due settimane di tempo per trovare un po’ di amalgama, i campioni sono tanti, bisogna ora formare il gruppo. Nel prossimo weekend giocheremo un torneo a Montichiari e sarà la prima occasione per vedere all’opera la squadra: non saremo al meglio, ma daremo il massimo“.

A margine della presentazione è stata annunciata The Language Club LAB for kids, la nuova iniziativa della società emiliana in occasione delle partite casalinghe: al PalabancaSport sarà attivo uno spazio attrezzato con insegnanti madrelingua inglese per bambini e bambine dai 3 anni in su. Il servizio sarà gratuito e darà l’occasione ai genitori di seguire le partite in tranquillità, mentre i loro figli si divertiranno imparando una lingua straniera.

(fonte: Comunicato stampa)