Europei Under 20, capitan Boninfante: “Bulgaria squadra fisica, sarà una semifinale difficile”

129
foto Fipav

Di Redazione

La Nazionale Under 20 maschile è tra le migliori quattro formazioni d’Europa. Un traguardo importante che i ragazzi guidati dal tecnico Matteo Battocchio hanno conquistato meritatamente al termine della fase a giorni dei Campionati Europei di categoria in corso a Montesilvano e Vasto in Abruzzo. Giovedì sera gli azzurrini hanno battuto 3-0 (25-18, 26-24, 25-14) la Polonia chiudendo così al primo posto la Pool I. Nelle cinque partite disputate fino a questo momento l’Italia ha conquistato quattro vittorie per 3-0 (con Slovenia, Slovacchia, Serbia e Polonia) e subito una sola sconfitta al tie-break contro la Francia.

Sabato pomeriggio alle 17.30 al Palazzetto dello sport Corrado Roma di Montesilvano gli azzurrini affronteranno in semifinale la Bulgaria che, a Vasto, ha chiuso al secondo posto la Pool II. Nella fase a gironi i bulgari hanno vinto quattro partite (con Finlandia, Portogallo, Repubblica Ceca e Grecia) e perso il match contro il Belgio, che ha conquistato il primato in classifica nella Pool II.

La seconda semifinale, in programma domani alle ore 20 sempre al PalaRoma di Montesilvano, si sfideranno il Belgio e la Polonia.

Nel corso della fase a gironi l’Italia a dimostrato una crescita costante. Ne è consapevole il palleggiatore Mattia Boninfante. “Quando si partecipa a una competizione come l’Europeo – spiega il palleggiatore dell’Italia – si parte da un punto e pian piano si cerca di migliorare e di crescere per aumentare il livello. Noi siamo sempre riusciti ad aggiungere qualcosa e a migliorare aspetti del nostro gioco durante queste cinque partite. Non mi riferisco solo alle quattro vittorie che abbiamo conquistato, anche la sconfitta contro la Francia ci è servita per crescere in determinazione e in volontà. Sicuramente siamo sulla strada giusta e dobbiamo proseguire così”.

Oltre alla crescita costante di cui sono stai protagonisti nel corso dell’estate uno i punti di forza degli azzurrini è quello di essere una squadra molto unita, sia in campo che fuori. “E’ la prima volta che sono il capitano di una squadra – prosegue Boninfante – ed è una bella emozione. Sicuramente sono più onori che oneri, non ho più responsabilità degli altri, perché siamo una bella squadra, siamo molto uniti e abbiamo tutti la stessa importanza all’interno del gruppo. Abbiamo fatto un lungo percorso tutti insieme: durante estate settimana dopo settimana siamo cresciuti tutti insieme, siamo riusciti a vincere l’Eyof, abbiamo legato molto e si è creato un bel gruppo. Il bilancio è molto positivo. E ora non resta che goderci queste ultime, decisive partite dell’Europeo”.

Guardando alla sfida di domani il palleggiatore degli azzurrini aggiunge: “Sarà una gara difficile: la Bulgaria è una squadra fisica con delle individualità importanti. Dovremo essere bravi a poter portare la partita sui binari a noi più congeniali per provare a conquistare l’accesso alla finale che assegnerà il titolo europeo”.

(fonte: Comunicato stampa)