Emozioni ieri sera al PalaBanca di Piacenza

183
Foto: CAVALLI

Non poteva essere altrimenti. Ieri sera grandi personaggi del mondo della pallavolo hanno voluto essere presenti al PalaBanca di Piacenza per rendere omaggio a due grandi campioni come Samuele Papi e Hristo Zlatanov nel pre partita di gara 3 Quarti Play Off Challenge con Latina. O’fenomeno e il capitano della formazione emiliana appenderanno le scarpe al chiodo al termine di questa stagione, e ieri, domenica 9 aprile, alle 17:57, il riscaldamento di Piacenza-Latina si è interrotto per onorare due personaggi che hanno segnato un’epoca, fatto sognare gli appassionati della pallavolo ad ogni match e onorato ogni maglia indossata.

Numerose standing ovation hanno accompagnato le parole di Nicola Gobbi, speaker LPR Piacenza,  capaci di emozionare e raccontare in poco più di 20 minuti due sportivi che sono stati in grado di regalare a  Piacenza una Top Team Cup (2006), un Campionato (2009), una Supercoppa (2009), una Challenge Cup (2013) e una Coppa Italia (2014). Oltre 800 gare tra Campionato e Coppe, 46 trofei tra club e Nazionale, questo è quanto Papi ha regalato agli appassionati della pallavolo: O’ Fenomeno ha rivissuto tutto questo indossando in successione le maglie di Falconara, Cuneo, Treviso, quella degli esordi in Nazionale e, per finire, proprio quella di Piacenza. Per lui anche i video di Marco Paolini, Marco Pistolesi, Bruno Da Re, Robertlandy Simon e del Presidente Fipav Bruno Cattaneo, impossibilitati ad essere presenti al PalaBanca.

I video saluti di Marco Meoni e Davide Marra hanno aperto la strada al momento dedicato a Hristo Zlatanov: due World League conquistate, i suoi 30 punti per la conquista dello Scudetto 2009, atleta in assoluto più premiato con il titolo di MVP (ben 75 volte) e miglior realizzatore italiano nella storia della pallavolo italiana con i suoi 9688 punti.  Per lui riconoscimenti importanti da parte del Comune di Piacenza, dai Lupi Biancorossi, ma quello più importate arriva dalla LPR Piacenza: il ritiro della maglia numero 11. I Presidenti Guido Molinaroli e Roberto Pighi hanno infatti consegnato l’ultima maglia numero 11 proprio a Zlatanov: con questo gesto la Società LPR Piacenza ha ritirato ufficialmente per sempre il numero che per 14 anni è stato sulle spalle di Zlatanov. Per lui anche l’abbraccio virtuale di Sergio, Nikola Grbic, Federica Lisi ed Alessandro e Arianna Bovolenta.

Sul canale YouTube LPR Piacenza puoi vedere i due video dedicati a Samuele Papi e Hristo Zlatanov e i saluti di chi ha condiviso con loro un pezzo di carriera: https://www.youtube.com/watch?v=eXuV419piSQ

Un’era che si chiude dopo oltre 20 anni sui taraflex di tutta Italia. Gli ultimi due “gladiatori” della generazione dei fenomeni che dice addio al volley giocato.