Azzurre al lavoro ad Arnhem, Orro: “Sappiamo di essere forti, nessuno ci regalerà niente”

163
foto Federvolley

Di Redazione

La nazionale femminile italiana ha svolto la prima giornata di lavoro ad Arnhem in Olanda, sede di gioco della pool A del Campionato del Mondo femminile 2022, dal 23 settembre al 15 ottobre. La cittadina olandese ospiterà tutte le gare iniziali dei quattro gironi, ospitando le 24 squadre partecipanti al Mondiale.

La data d’esordio delle azzurre è fissata per sabato 24 settembre contro il Camerun, poi sarà la volta di Porto Rico (26 settembre, ore 18), Belgio (27 settembre, ore 18), Kenya (29 ottobre, ore 18) e infine l’Olanda (2 ottobre, ore 16).     
La nazionale tricolore si presenta alla rassegna iridata dopo la vittoria nella Volleyball Nations League 2022 e il Campionato Europeo 2021.

Nella passata edizione del Mondiale le ragazze di Davide Mazzanti ottennero in Giappone nel 2018 la medaglia d’Argento, di quel gruppo nove sono le atlete presenti a questo torneo: Monica De Gennaro, Cristina Chirichella, Ofelia Malinov, Anna Danesi, Marina Lubian, Miriam Sylla, Elena Pietrini, Paola Egonu, Sylvia Nwakalor. Quattro, invece, sono le esordienti in un Campionato del Mondo: Alessia Gennari, Sara Bonifacio e Alessia Orro.

Proprio la regista azzurra ha raccontato le sue emozioni a pochi giorni dall’inizio della competizione: 

Si sta avvicinando finalmente questo esordio, sono davvero felice di essere qui al mio primo Mondiale. Abbiamo lavorato molto duramente e a lungo quest’estate, non vediamo l’ora che inizi il torneo – dice Orro – . Non dobbiamo sottovalutare le avversarie della prima fase, dovremo subito partire concentrate e poi sarà fondamentale sistemare gli ultimi dettagli durante il girone, con il passare delle partite“.

In questi anni sono cambiata tanto, io penso che soprattutto nel mio ruolo si maturi con l’andare avanti dell’età e acquisendo esperienza. Sono consapevole che nel corso della mia carriera, quand’ero più piccola, ho bruciato alcune tappe e dentro mi porto tutte le esperienze vissute, sia quelle belle, che quelle brutte: mi hanno aiutata ad arrivare fin qui. Ora mi sento più matura e capace, voglio aiutare la nostra squadra a dare il massimo” confessa la regista.

A livello di gruppo sappiamo di essere forti, ma al tempo stesso nessuno ci regalerà niente, dovremo dimostrare partita dopo partita tutto il nostro valore. Già nella prima fase i punti sono fondamentali nel girone, il nostro obiettivo è farci trovare pronte per il momento in cui le partite saranno da dentro o fuori”.

Nella delegazione azzurra che ha raggiunto l’Olanda al momento non è presenti il vice allenatore Matteo Bertini, risultato positivo a un test anti covid-19 prima della partenza. Il tecnico marchigiano, una volta negativizzato, raggiungerà la squadra.

La Formula dei Campionati del Mondo femminili 2022

La prima fase vedrà scendere in campo le 24 nazionali con la formula del round robin e ogni formazione disputerà 5 partite per un totale di 60 incontri.

Alla seconda fase accederanno le migliori quattro classificate di ogni raggruppamento che si porteranno dietro tutti i risultati della prima fase, formando due gironi da 8 squadre: Pool E (a Rotterdam) e Pool F (a Lodz). Ogni nazionale disputerà solo quattro partite, giocando contro le squadre non affrontate nel round precedente. La terza fase vedrà in campo le prime quattro classificate della Pool E e della Pool F che si sfideranno nei quarti di finale incrociati (ad Apeldoorn e Gliwice) E1 – E4, E2 – E3, F1 – F4, F2 – F3, per poi passare alle semifinali (ad Apeldoorn e Gliwice) e alle finali che si svolgeranno ad Apeldoorn (Olanda) sabato 15 ottobre.

La composizione dei gironi
Gruppo A (Arnhem): Olanda, Italia, Belgio, Porto Rico, Camerun, Kenya.
Gruppo B (Arnhem/Danzica): Polonia, Turchia, Repubblica Dominicana, Corea del Sud, Thailandia, Croazia.
Gruppo C (Arnhem/Lodz): Stati Uniti, Serbia, Germania, Bulgaria, Canada, Kazakistan.
Gruppo D (Arnhem): Brasile, Cina, Giappone, Colombia, Argentina, Repubblica Ceca.

(fonte: Comunicato Stampa)