Saskia Van Hintum lascia l’Aachen: nel suo futuro c’è la nazionale olandese?

362

Di Redazione

Anticipando di qualche ora la fine della regular season del campionato tedesco Johanna Antoinette Petronella, per tutti da sempre nota come “Saskia” Van Hintum, ha ufficializzato la fine della sua collaborazione con le Ladies in Black di Aachen (Aquisgrana): “Ho vissuto momenti belli e importanti – dice l’allenatrice, 49 anni – ma ora sono alla ricerca di nuovi stimoli e di altre sfide”.

L’Aachen sicuramente entrerà nel lotto dei play off, la squadra è sesta ma la stagione è stata inferiore alle aspettative. Le Ladies sono state costrette a rinunciare a diverse giocatrici prima del via del campionato dopo che uno sponsor annunciò il suo ritiro affrontando molti problemi economici.

Van Hintum è anche tra le papabili per la panchina della nazionale olandese che si è appena divisa da Giovanni Caprara: “Vedrò quali opzioni sono sul tavolo – dice l’allenatrice – ma al momento non ho né fretta né urgenza di trovare un lavoro”. Anche perché la Van Hintum per ora mantiene il suo impegno con la nazionale femminile della Svizzera.

Famosa per la sua grande personalità e per la capacità di scovare e allenare talenti giovanissimi, non è escluso che Saskia guardi anche all’Italia come prossima destinazione: “Sono aperta a tutto e vedrò nel prossimo futuro quali offerte arriveranno. Potrei anche decidere di fermarmi e di dedicarmi solo a clinic e corsi, un aspetto che mi pace moltissimo. Ma se arriva un bel club, lo prenderò in considerazione”.

La decisione di lasciare Aquisgrana è maturata nelle ultime settimane: “So di non avere avuto responsabilità nei risultati inferiori alle aspettative ma è un peccato perché la squadra era cresciuta molto negli ultimi anni. Ho notato che tutto è andato un po’ troppo con il pilota automatico e queste cose non fanno per me. Mi sono divertita ma se la testa e il cuore danno segnali diversi, sai che c’è qualcosa non va. Non devo spiegarlo ai giornalisti, lo spiegherò a me stessa, e a mente fredda, davanti a uno specchio”.