Bergamo vince il quadrangolare di Sondrio, Vallefoglia vicina alle vittime dell’alluvione

361
foto Volley Bergamo 1991

Di Redazione

Il primo Trofeo Città di Sondrio è griffato Volley Bergamo 1991: nella finalissima le rossoblù non hanno lasciato scampo alla Megabox Vallefoglia chiudendo il match in tre set. Premiata MVP della gara la palleggiatrice Giulia Gennari.

Prima della finale, le Tigri hanno voluto dedicare un pensiero di sensibilità e di attenzione alle comunità marchigiane colpite dall’alluvione di giovedì sera.

foto Megabox Volley

Volley Bergamo 1991-Megabox Vallefoglia 3-0 (25-21, 25-21, 25-20) 
Volley Bergamo 1991:
 Colleoni 5, Partenio 4, Perletti 4, Frosini 12, Lanier 15, Gennari 3, Cecchetto (L); Cagnin 4. N.e. Bovo, Felappi, Cicola, Turlà, Stufi. Allenatore: Micoli 
Megabox Vallefoglia: Piani 11, Carraro 2,  Papa 8, Mancini 7, Berti 4, Kosheleva 2, Sirressi (L); D’Odorico 6, Martinelli, Barbero. N.e. Lutz. Allenatore: Mafrici 
Battute Vincenti: Bergamo 1, Vallefoglia 4 
Battute Sbagliate: Bergamo 11, Vallefoglia 14 
Muri: Bergamo 11, Vallefoglia 3
Abitri: Foppoli, Pastore

Il tecnico di Vallefoglia Mafrici a fine partita “E’ stato sicuramente un test importante, oggi, aver disputato un incontro  con una squadra di A1. Questa situazione ci serve per vedere a che punto siamo, per avere un riscontro reale del lavoro che stiamo facendo in palestra, giorno dopo giorno” chiaramente il tecnico guarda al risultato, ma “si sono viste tante cose buone – conclude Mafrici – alcune meno, su cui bisogna lavorare, ma la base di partenza è buona”.

“Ho avuto delle belle sensazioni: tornare in campo ci voleva – dice Imma Sirressi -. È evidente che in questa fase di precampionato non dobbiamo guardare al risultato. La nostra priorità è conoscerci meglio come squadra, costruire il giusto feeling tra di noi: sono le prime partite vere che giochiamo insieme, visto che il roster non è ancora al completo”.

Il libero della Megabox è comunque soddisfatta dopo il quadrangolare a Sondrio: “La prima impressione è buona, perché anche se ci sono stati alcuni errori e tante cose ancora non fatte bene, abbiamo avuto la pazienza e il carattere per adattarci e questo è il miglior segnale, anche in vista del campionato” .

(fonte: Comunicato stampa)