Alex e Marco Ferreira: “Così lontani, così vicini”

LEADERBOARD_GPCAR_2008
Foto: CEV

Di Redazione

Vivono a 5.000 km di distanza l’uno dall’altro ma non si sono mai sentiti così vicini: Alex Ferreira è in Polonia, all’Aluron Virtu Zawiercie; il fratello Marco Ferreira gioca a Doha per l’Al-Rayyan, attualmente al terzo posto in classifica e quindi ancora in lizza per il titolo nella lega nazionale del Qatar anche se il paese ha sospeso tutte le attività sportive.

“Con questa situazione senza precedenti causata dalla pandemia diffusa in tutto il mondo, i cambiamenti nella mia vita quotidiana sono sostanziali – spiega Marco Ferreira – sono ancora a Doha e, con tutte le attività sportive sospese, rimango a casa. Evito il contatto sociale e esco di casa solo per fare la spesa al supermercato. Mi alleno a casa, seguendo un piano fisico per mantenermi in forma. Ma la cosa che mi preoccupa di più è che non so quando o come tornerò a casa dalla mia famiglia. Ma invito tutti a essere e fiduciosi perché tutto tornerà alla normalità”.

Alexandre, capitano della nazionale portoghese, arriva da un periodo deludente con il suo club che è solo decimo. Ma ora le cose importanti sono altre: “Stiamo ancora aspettando la decisione finale su cosa accadrà e ad allora sono a casa. La cosa più sorprendente è vedere come tutto può cambiare così rapidamente in un momento cruciale per la maggior parte dei club, giocatori, fasi finali, risultati per cui abbiamo lavorato tutti i giorni … ma improvvisamente tutto questo non conta più nulla, la cosa più importante è per salvare vite umane e prendersi cura della salute delle persone”.

(fonte: Cev.eu)

LEAD_Alfapaint_istit