Scoppia il caso Jastrzebski Wegiel: i polacchi non vogliono giocare a Trento

LEAD_BASE_ALD
Foto PlusLiga

Di Redazione

L’emergenza coronavirus torna a mettere in dubbio le competizioni di pallavolo in Italia. Stavolta a essere a rischio è la Champions League: sebbene la CEV abbia per il momento confermato tutte le partite in programma la prossima settimana nel nostro paese, la squadra polacca dello Jastrzebski Wegiel, che dovrebbe scendere in campo a Trento giovedì 5 marzo per l’andata dei quarti di finale contro la Trentino Itas, ha chiesto alla Confederazione europea di rinviare la gara.

Il club di Jastrzębie-Zdrój ha pubblicato sulla sua pagina Facebook una copia della lettera ufficiale inviata alla CEV, firmata dal presidente Adam Gorol, in cui si segnalano “seri dubbi sull’opportunità del viaggio, che potrebbe comportare una quarantena e quindi escludere la squadra dalla partecipazione a ulteriori partite di Champions League e PlusLiga“. Lo Jastrzebski ha proposto, oltre al rinvio dell’incontro, anche il suo spostamento in una sede diversa dall’Italia.

(fonte: Sportowe Fakty)

ISPEDIA_LEADERBOARD