C Maschile: il Pool Libertas Cantù si arrende al Gonzaga Milano

LEAD_ERBAVOGLIO_ISTITUZIONALE
Foto Ufficio Stampa Pool Libertas Cantù

Di Redazione

GONZAGA MILANO – POOL LIBERTAS CANTU’ 3-1 (20-25, 25-17, 25-18, 25-16)

Cantù: Roncoroni Fu. 1, Corti P. 12, Corti S. 9, Roncoroni Fi. 12, Pellegrinelli 6, Maino 7, Arnaboldi (L1), Romanò, Borrozzino 1, Maspes, Rizzi 1, Falano, Garcia (L2) All: Bernasconi, 2° all.: Rossi.

1 SET: Cantù parte con Fulvio Roncoroni al palleggio, Pietro Corti opposto, schiacciatori Filippo Roncoroni e Samuele Corti, centrali Luca Pellegrinelli e Gabriele Maino, Alex Arnaboldi libero. Il Pool Libertas parte bene, e si porta avanti con una buona correlazione muro-difesa e i contrattacchi di Samuele Corti da posto 4 (2-4). Gonzaga prova a reagire e impatta sull’8 pari con un attacco al centro. Gli ospiti non mollano, e si riportano avanti (12-14, 14-18). Time-out milanese, e Gonzaga accorcia (17-18). Ma con un attacco di Filippo Roncoroni e un muro di Pellegrinelli il Pool Libertas torna avanti (18-21). Due errori di Gonzaga e un attacco di Pietro Corti porta Cantù al primo set point (20-24), chiuso subito grazie a un errore locale (20-25).

2 SET: Si riparte con la formazione del primo set. Cantù parte male e si ritrova in breve tempo sotto (5-1, 8-2). Gonzaga riesce a ricevere in maniera molto positiva, e a sviluppare un gioco preciso e veloce che mette in crisi il muro e la difesa canturina. I locali allungano (12-4, 15-5). I ragazzi di Coach Bernasconi provano a reagire, e in parte ci riescono con un mini-recupero (18-11, 20-15). Un errore in attacco di Cantù compromette il recupero, e Gonzaga chiude agevolmente (25-17).

3 SET: Sestetto confermato per il Pool Libertas, con Garcia in ricezione al posto di Arnaboldi. Cantù parte bene e la gara è equilibrata fino a quota 5. Gonzaga si porta avanti con due muri consecutivi (8-5). Il Pool Libertas reagisce con la battuta di Gabriele Maino e si riporta sotto (10-9). Si gioca punto a punto, i canturini tengono bene in cambio palla, ma in fase break non riescono a chiudere nei migliori dei modi. Si va avanti a braccetto fino al 16-15, quando due break di fila di Milano permettono loro di andare avanti (18-15). E’ l’allungo decisivo, i giovani canturini commettono qualche errore di troppo mentre Gonzaga gioca ai suoi livelli senza regalare nulla: va avanti fino al 22-17 e chiude il set con un attacco al centro (25-18).

4 SET: La formazione canturina riparte come nei set precedenti, ma con Emanuele Rizzi in campo al posto di Samuele Corti. I primi scambi sono equilibrati fino a quota 4. Un errore in ricezione di Cantù e un attacco dell’opposto locale permettono a Gonzaga di andare avanti (7-4, 10-6). I ragazzi canturini si disuniscono e non riescono a rientrare. Entrano in campo Matteo Borrozzino su Pietro Corti e Andrea Romanò su Fulvio Roncoroni, ma l’inerzia del set non cambia. Gonzaga gioca bene senza regalare punti agli avversari, e va avanti (17-9, 20-12). Chiudono set e match i locali con un muro del centrale (25-16).

IL COMMENTO DI COACH FRANCESCO BERNASCONI

“E’ stata la gara che ci aspettavamo contro una squadra che sta facendo molto bene: con la vittoria di stasera, infatti, sono primi in classifica. Sono contento per l’approccio alla partita e per il gioco espresso nel primo set: siamo riusciti subito a metterli in difficoltà, soprattutto con la nostra correlazione muro-difesa. In seguito siamo calati permettendo loro di rientrare in partita e riprendere un po’ di fiducia. Peccato per il terzo set, perché a mio avviso abbiamo giocato una buona pallavolo rimanendo agganciati a loro fino a metà set e riuscendo a rispondere colpo su colpo ai loro attacchi. Nel quarto set, invece, è salito ancora di più il loro livello di gioco e noi non siamo stati capaci di reagire. Da metà del secondo set loro sono cresciuti di intensità e hanno sviluppato un gioco da squadra che punta al passaggio di categoria. E’ una sconfitta che ci può stare, ma sono un po’ rammaricato: per quello che si è visto nella prima parte della gara potevamo fare di più. Siamo ancora poco costanti nel nostro rendimento durante la gara, dobbiamo migliorare su questo aspetto sapendo che possiamo mettere in difficoltà anche squadre di livello più alto del nostro. Mercoledì prossimo avremo un altro impegno in campionato molto difficile: sarà contro Busto Arsizio, seconda della classe che oggi ha perso il primato. Anche se il tempo sarà poco ci prepareremo al meglio per provare a fare punti in questa gara infrasettimanale”.

(Fonte: comunicato stampa)

LEADERBOARD_GPCAR_2008