Sylla: “Adesso bisogna aggredire ancora di più”. Parisi: “Abbiamo perso fiducia” (video)

LEAD_Alfapaint_istit
Foto Facebook Imoco Volley Conegliano

Di Eugenio Peralta

Stati d’animo opposti per Imoco Volley Conegliano e Saugella Monza al termine della partita che ha visto prevalere le campionesse d’Italia e del mondo per 3-0 sul campo delle brianzole.

Per le pantere commenta Miriam Sylla, al rientro da titolare: “L’obiettivo era quello di affrontare l’inizio del girone di ritorno con la stessa determinazione con cui avevamo finito quello di andata, anzi aggredire ancora di più perché adesso iniziano le fasi importanti della stagione. Non era facile perché oggi io e Rapha Folie giocavamo la prima partita dopo tanto tempo: non giocare fa la differenza e devo ammettere che ero emozionata come se fosse stata la prima partita. Poi ci siamo sciolte un po’ e il risultato è arrivato. Siamo state brave perché nelle situazioni difficili ci siamo unite di più, non abbiamo mai perso il focus“.

Carlo Parisi ha avuto pochissimo tempo per conoscere la squadra, ma non cerca alibi: “Il problema non è il numero di allenamenti, per me era importante vedere la squadra giocare e cominciare ad accumulare indicazioni su quali possono essere le problematiche tecniche, tattiche ma anche di atteggiamento in campo, quando le cose vanno bene e quando vanno male. Certo, l’avversario non era dei migliori, ma oggi molto è successo nel nostro campo. Loro hanno fatto una partita costante da inizio alla fine senza picchi né positivi né negativi, noi invece abbiamo perso l’efficacia in battuta e anche nel muro-difesa pian piano abbiamo perso un po’ di fiducia“.

Qualcuno si è perso per strada – continua Parisi – e questo una squadra non può permetterselo, una squadra deve fare la squadra, ognuno deve fare il suo. Sono segnali che bisogna interpretare e valutare con calma: i tempi sono stretti? Pazienza, vorrà dire che nostri miglioramenti li faremo anche con pochi allenamenti“.

LEAD_Alfapaint_istit