L’Itas Trentino passa in tre set sul campo di una Vero Volley orfana di Kurek

LEADERBOARD_GPCAR_2008
Foto Trentino Volley

Di Redazione

Il 2020 dell’Itas Trentino inizia con una convincente vittoria esterna a Monza. Questa sera alla Candy Arena i gialloblù hanno infatti imposto il 3-0 ai padroni di casa della Vero Volley nel match valevole per il quindicesimo turno di regular season, rilanciando le proprie ambizioni di classifica, che ora li vede nuovamente al quarto posto. Due gli assenti illustri nel match, Kovacevic da una parte e Kurek dall’altra: entrambi non si sono allenati per qualche problema fisico, ma è stata solo la defezione del polacco (fastidio alla schiena) a incidere.

La lunga pausa di tre settimane del campionato ha evidentemente consentito alla squadra di Lorenzetti di presentarsi in campo con rinnovato smalto e soprattutto con una condizione fisicamente decisamente più brillante, come dimostrano le percentuali in attacco fatte registrare da molti effettivi (su tutti Russell col 78% e Lisinac col 69%) e la grande tenuta sfoggiata nel corso del secondo set, il più difficile da portare a casa.

Dopo una buona partenza, Giannelli e compagni hanno infatti subito nel parziale centrale la reazione di Monza, passata per le mani di Sedlacek; sono riusciti a contenerla, vincendo ai vantaggi (31-29), grazie agli spunti individuali ma anche grazie alle ottime cose mostrate fra muro e difesa. Il successo allo sprint di quel set ha poi aperto la strada anche per il terzo periodo, vinto nuovamente in scioltezza sulla falsariga del primo. Lo stesso Russell (best scorer con 16 punti ed mvp) è stato solo uno dei quattro trentini a terminare il match in doppia cifra; assieme a lui anche Lisinac (13), Vettori e Cebulj (11 a testa), a conferma di una direzione in regia di Giannelli molto efficace.

La cronaca del match. Alla Candy Arena Angelo Lorenzetti sceglie di iniziare il 2020 con Giannelli in cabina di regia, Vettori opposto, Russell e Cebulj in posto 4, Candellaro e Lisinac al centro, Grebennikov libero. Il Vero Volley Monza deve rinunciare a Kurek (non al meglio), Louati e Yosifov e risponde con Orduna al palleggio, Ramirez Pita opposto, Dzavoronok e Sedlacek schiacciatori, Beretta e Galassi centrali, Goi libero.

L’avvio è tutto di marca ospite, con Cebulj e Vettori che fanno la voce grossa in ricostruita offrendo lo spunto del 5-1 che costringe immediatamente i padroni di casa a rifugiarsi in un time out. Alla ripresa del gioco però i gialloblù continuano a dettare legge (9-3), dimostrandosi molto efficaci anche a muro (Candellaro a segno su Galassi). Monza prova a rialzare la testa con Beretta (due primi tempi di fila per l’11-8), ma Lorenzetti ascolta il campanello d’allarme ed interrompe il gioco. In seguito Trento torna ad essere esplosiva in attacco (14-9, 17-12, ace di Lisinac), lanciandosi decisa verso il finale di frazione, che arriva sul 25-19 dopo che il Vero Volley era riuscito con Buchegger a ricomporre almeno in parte il punteggio.

Nel secondo set Soli sceglie Dzavoronok come opposto ed inserisce in banda Louati, mentre Yosifov trova posto al centro della rete; la mossa evidentemente disorienta l’Itas Trentino che va subito sotto (3-5, time out Lorenzetti) ma si riprende trovando la parità già a quota sette. Monza riparte con Sedlacek (10-12, 12-15), Trento dà l’impressione di poter nuovamente risalire la china (16-17), va sotto anche di tre lunghezze (16-19), prima di riprendersi definitivamente. Candellaro e Lisinac riescono a portare i gialloblù in parità a quota 22. Il finale è al cardiopalma e si protrae sino ai vantaggi: Monza non sfrutta due palle set, gli ospiti ne guadagnano cinque e chiudono il conto sul 31-29 con un muro di Russell su Dzavoronok.

Nella terza frazione di gioco l’Itas Trentino guadagna subito un doppio vantaggio (4-2), che riesce a conservare costantemente nello sviluppo del periodo (6-4, 10-8), prima di allungare sul 16-12, sfruttando qualche errore non forzato dei brianzoli. Soli spende tutti i time out a propria disposizione nel giro di pochi minuti senza però ottenere risultati positivi (19-15); Trento non si ferma più (21-16) e vola veloce verso il 3-0 che arriva già sul 25-21 (primo tempo di Candellaro).

Angelo Lorenzetti: “Abbiamo messo in mostra una buona pallavolo ma va anche considerato che siamo stati sicuramente aiutati nel nostro intento dall’assenza pesante di Kurek fra le fila di Monza. L’atteggiamento della squadra è stato buono in ogni situazione ed è quello che conta di più stasera. Nel secondo set abbiamo mostrato carattere ma anche determinazione, lavorando bene fra muro e difesa dopo che gli avversari ci avevano messo in difficoltà in fase di cambiopalla. Il nostro ritmo deve necessariamente crescere, ma sicuramente siamo stati bravi ad uscire da una situazione che poteva farsi complicata”.

Fabio Soli: Abbiamo messo più cuore rispetto a quello visto nelle ultime gare. Dobbiamo migliorare sicuramente delle cose, è evidente. Lo abbiamo condiviso in questa pausa ma non è bastato. Questa squadra può dare di più rispetto a stasera e alla gara contro Milano. La strada è dura, lunga, lo sappiamo. Dobbiamo e vogliamo crescere anche se purtroppo i risultati non ci danno una mano. Dobbiamo essere noi però a darci una mano con la qualità di gioco. Oggi sapevamo che saremmo stati in emergenza, motivo per cui avevo detto ai ragazzi di aspettarsi di uscire ed entrare, cambiare, magari giocare fuori ruolo. Lo hanno fatto bene, giocando col giusto piglio. Dobbiamo mettere sicuramente più qualità, perchè durante la gara diventiamo scontati e questo si ripercuote sul nostro entusiasmo, aspetto fondamentale per risolvere momenti del match che non ti arridono“.

Davide Candellaro: Sapevamo che non sarebbe stato semplice, dopo una sosta lunga, in un palazzetto così caldo come quello di Monza. Credo però che la nostra squadra sia stata brava a stare nel gioco, leggendo bene le situazioni e concretizzando nel momento in cui era importante farlo attraverso le situazioni di gioco studiate in questo periodo senza partite. E’ una vittoria che fa bene e ci dà morale. Possiamo crescere molto e già nelle prossime due, tre gare sono certo che potremo far vedere ulteriori miglioramenti“.

Vero Volley Monza-Itas Trentino 0-3 (19-25, 29-31, 21-25)
VERO VOLLEY: Sedlacek 16, Beretta 7, Orduna, Dzavoronok 12, Galassi 2, Ramirez Pita 1, Goi (L); Louati 4, Yosifov 4, Buchegger 1, Calligaro, Federici (L). N.e. Kurek, Capelli. All. Fabio Soli.
ITAS TRENTINO:
 Candellaro 6, Vettori 11, Cebulj 11, Lisinac 13, Giannelli 2, Russell 16, Grebennikov (L); Michieletto, Djuric. N.e. Daldello, De Angelis, Codarin, Sosa Sierra, Kovacevic. All. Angelo Lorenzetti.
ARBITRI: Tanasi di Noto (Siracusa) e Piana di Carpi (Modena).
DURATA SET: 27’, 40’, 29’; tot 1h e 36’.
NOTE: 1.863 spettatori, incasso non comunicato. Vero Volley: 5 muri, 2 ace, 15 errori in battuta, 7 errori azione, 44% in attacco, 41% (19%) in ricezione. Itas Trentino: 10 muri, 3 ace, 16 errori in battuta, 6 errori azione, 52% in attacco, 53% (42%) in ricezione. Mvp Russell.

(fonte: Comunicato stampa)

LEAD_ERBAVOGLIO_ISTITUZIONALE