Poker di lusso Poker Vbc Synergy Mondovì, che espugna Santa Croce

LEAD_ERBAVOGLIO_ISTITUZIONALE
Foto: VBC Mondovì

Di Redazione

Prosegue il magic moment del Vbc Synergy Mondovì, che vince anche a Santa Croce e consolida la propria posizione in classifica dopo il quarto successo di fila. I toscani hanno schierato il loro nuovo acquisto in banda Russomanno Dos Santos, mentre Barbiero ha preferito capitan Borgogno a Dulchev in posto 2. “Borgo” lo ha ripagato con una prestazione monstre, 55% in attacco, tre muri e un ace pesantissimo al tie-break. Bene anche i compagni, con Pochini solidissimo in seconda linea (per lui il 75% di ricezione positiva) e Piazza bravo a chiamare in causa anche i due centrali (Arasomwan ed Esposito entrambi in doppia cifra, con quattro muri ciascuno). Terpin ha chiuso con 18 punti e il 54% in attacco, e se Loglisci ha faticato di più a scavalcare il muro avversario, è vero anche che ha firmato da solo quattro dei sei aces totali dei biancoblù, compreso quello che ha chiuso la partita.

Sembrava di essere a Mondovì grazie agli oltre 50 tifosi dell’Hagar group che occupavano un intero spicchio del PalaParenti. Qualche scaramuccia sugli spalti con la “fossa”, da sempre acerrima rivale dei monregalesi, ma i carabinieri hanno tenuto la situazione sotto controllo. Buon avvio per Borgogno e compagni (5-7), poi dall’8 pari Padura Diaz e Bargi portano i “lupi” sull’11-8. Barbiero ferma il gioco, ma gli ospiti non riescono a riavvicinarsi (15-11, 18-13). L’ace di Russomanno scava il solco definitivo e i toscani chiudono 25-20 la prima frazione.

Stessi sestetti nel secondo parziale: a spezzare l’equilibrio ci pensa la coppia Borgogno-Terpin, che porta il Vbc Synergy sull’8-11. Padura Diaz fatica a superare il muro avversario e i monregalesi scappano sul 13-17. Terpin trova il maniout che vale il 16-22 e annichilisce i padroni di casa, che capitolano a 21 sull’errore in battuta di Colli.

Terzo game: subito meglio i biancoblù (2-5, 4-7), ma una murata su Loglisci e il redivivo Padura Diaz portano all’aggancio sul 15 pari. I monregalesi restano in scia fino al 20-19, poi subiscono tre punti consecutivi e consegnano la frazione agli avversari. Il 25-21 porta la firma del capitano di casa.

Si arriva al quarto parziale: la Kemas Lamipel spinge subito in avvio (8-5 con due errori di Esposito e Arasomwan), ma due aces di Loglisci riportano a galla Mondovì. Le due squadre cominciano un lungo braccio di ferro che si protrae fino alle battute finali. Terpin mette a terra il pallone del 20-21, Larizza impatta a 22. Santa Croce arriva per prima al match ball sul 24-23, ma il Vbc Synergy ribalta la situazione dopo un sapiente time-out di Barbiero. Borgogno va in cielo per siglare il 25-26, poi trova il mani-out che porta tutti al tie-break.

Nel quinto set Arasomwan suona la carica per i monregalesi: i suoi due punti e l’ace di Loglisci portano il tabellone sul 2-5. Pagliai chiama il timeout, ma il Vbc Synergy non rallenta: 3-6 di Terpin e squadre che cambiano campo sul parziale di 6-8. Colli pareggia a 8, ma Borgogno prima riporta i suoi a +2 (9-11), quindi trova l’ace sul libero Catania. Padura Diaz sbaglia in attacco e in servizio e regala il match ball ai biancoblù: Loglisci non si fa pregare e chiude 10-15 direttamente dai nove metri, con l’aiuto del nastro.

«È andata bene, siamo contenti per questa vittoria – commenta Borgogno – siamo riusciti a fare il nostro gioco, senza arrenderci quando loro stavano per chiudere la partita». Un’altra grande prova per il capitano nel ruolo di opposto. «Sono contento per la mia prestazione, ma il mio ruolo resta quello di schiacciatore. La cosa importante, comunque, non è lo score personale, ma la prova di tutta la squadra: ora la classifica finalmente ci vede in risalita, vediamo di continuare su questa strada».

Non c’è un attimo di tregua per i monregalesi, che avranno un giorno in meno per preparare la prossima sfida: si gioca già sabato sera, quando al PalaManera arriverà Brescia. Alla vigilia della gara d’andata cominciarono i problemi per la squadra biancoblù, che ora arriva alla sfida di ritorno in un contesto totalmente diverso.

(Fonte: comunicato stampa)

LEAD_ERBAVOGLIO_ISTITUZIONALE