La Sir Sicoma Monini passa anche a Varsavia: qualificazione ipotecata

LEADERBOARD_GPCAR_2008
Foto CEV

Di Redazione

La Sir Sicoma Monini Perugia torna vittoriosa anche dalla trasferta più difficile del suo girone di Champions League, battendo il Verva Varsavia di Andrea Anastasi per 3-1. Gli umbri, primi a punteggio pieno nella Pool D, dopo soli tre incontri hanno già un piede nei quarti di finale. La squadra dei “polacchi” HeynenLeon, assoluto mattatore con 25 punti (65% in attacco), procura qualche brivido ai suoi tifosi nel quarto parziale con due match point annullati, ma chiude ai vantaggi e porta a casa la decima vittoria consecutiva tra Superlega e Champions.

È stata dura nella bolgia dell’impianto polacco, gremito all’inverosimile, contro un avversario che se l’è giocata a viso aperto e con qualità soprattutto in difesa e contrattacco. Ma i ragazzi di Heynen, nonostante avessero sulle gambe il match di quarantotto ore prima con Modena, hanno ribattuto colpo su colpo, senza abbattersi dopo aver perso in volata il secondo set e trovando con qualità e carattere il guizzo decisivo ai vantaggi del quarto parziale. Il muro di De Cecco che chiude le ostilità fa partire la festa nella metà campo bianconera per un risultato che è di capitale importanza in chiave qualificazione ai quarti di finale.

È Leon l’Mvp della sfida. Il numero nove bianconero sente aria di casa e sciorina una prestazione imperiale in attacco. Ma a dettare i tempi nel gioco di Perugia sono soprattutto quelli che nel tabellino entrano poco. Prova incredibile in seconda linea di Max Colaci che riceve poco (solo 8 palloni), ma che difende praticamente tutto quello che passi dalle sue parti. E prova di classe sopraffina in regia di capitan De Cecco che gestisce come un direttore d’orchestra la fase offensiva dei Block Devils ed incanta la platea con colpi di genio fenomenali.

Da sottolineare anche il match robusto di Podrascanin al centro (10 punti con un muro e l’82% in primo tempo per il posto tre serbo) ed un ficcante Plotnytskyi nei primi tre parziali (16 punti per l’ucraino con tre ace e due muri vincenti). È soddisfatto alla fine coach Heynen che può godersi anche la qualità di una panchina lunghissima e di grande livello con gli innesti durante la partita dei vari Taht, Zhukouski, Piccinelli, Hoogendoorn e Lanza tutti capaci di dare il loro importante contributo alla causa.

Vola dunque Perugia in Champions. Ed ora vola anche verso casa con il rientro previsto per domani e con l’obiettivo (avendo già giocato il turno di campionato del 22 dicembre) già proiettato a giovedì 26 dicembre quando i Block Devils chiuderanno l’anno in casa contro Cisterna per la prima di ritorno di Superlega.

La cronaca:
C’è Plotnytskyi in diagonale a Leon nella metà campo bianconera. Parte meglio Varsavia che si porta a +2 con il maniout di Udrys (5-3). Si gioca punto a punto con Plotnytskyi che mette a segno il pallone del 10-9. Infila l’ace il martello ucraino e pareggia (12-12). Il muro di Russo ed il contrattacco di Leon danno il doppio vantaggio ai Block Devils (13-15). Magia di De Cecco per Podrascanin, poi altra bomba di Leon (14-18). Due in fila per Atanasijevic in contrattacco, poi pallonetto di Leon (14-21). Plotnytskyi regala ai suoi il set point (16-24). Proprio Plotnytskyi chiude (17-25).

Doppio ace di Plotnytskyi in avvio di seconda frazione (0-2). Il muro di Tillie pareggia (2-2). Muro anche per Podrascanin (2-4), poi ace di Udrys con la fattiva collaborazione del nastro (4-4). Fuori Udrys e Tillie (4-6). Ace di Leon (5-8). Doppietta di Kwolek (7-8). Out Plotnytskyi e parità (9-9). Non si chioda l’equilibrio con le due squadre che forzano, e sbagliano, molto al servizio (14-14). Sul 19-19 Varsavia piazza un break importante con Kwolek (21-19). Plotnytskyi impatta con il contrattacco vincente (22-22). Ace di Brizard imprendibile e due set point per il Varsavia (24-22). L’errore al servizio di Atanasijevic pareggia i conti (25-23).

Subito Leon al via del terzo parziale (0-2). Doppio muro di Plotnytskyi su Tillie (1-5). Ace di Niemiec (3-5). Grande azione chiusa da Plotnytskyi e poi errore di Udrys (3-7). Pipe di Kwolek (5-7). Il muro e tre polacco riporta le due squadre a contatto (8-9). Ace di Brizard, contrattacco di Kwolek a vantaggio Varsavia (11-10). Tre errori dei padroni di casa (11-13). Russo a bersaglio in primo tempo (14-17). Entra Zhukouski in prima linea e piazza subito il muro vincente, poi muro ad una mano di Podrascanin (16-21). Due del Varsavia (18-21). I Block Devils tengono botta al tentativo di rimonta avversario e con Podrascanin arrivano al set point (20-24). Russo chiude il primo tempo e chiude anche il set (21-25).

Avvio equilibrato di quarto set (4-4). Vantaggio Varsavia con due muri in fila di Brizard e dopo l’errore di Hoogendoorn (8-5). Murato l’opposto olandese (9-5). Torna Atanasijevic. Perugia recupera un break dopo l’errore di Kwolek, poi Atanasijevic chiude la diagonale da posto due (12-11). Pipe vincente di Leon, attacco out di Krol a Perugia torna a condurre (14-15). Mette anche il muro Leon (15-17). Muro di Nowakowski, si torna in parità (17-17). Leon è una furia in attacco (19-21). L’errore al servizio di Krol dà a perugia due match point (22-24). L’ace di Tillie manda il set ai vantaggi (24-24). Leon chiude da posto quattro (24-25). Muro a uno di De Cecco che va esplodere la gioia nella metà campo bianconera (24-26).    

Vital Heynen: “Quella di stasera è una vittoria veramente importante, portare via tre punti da Varsavia non è facile per nessuno. E soprattutto sono tre vittorie consecutive che ci tengono al primo posto ed in un’ottima posizione nel nostro girone di Champions. Per quello che riguarda la partita, credo che abbiamo giocato molto bene nel primo set. Poi probabilmente si è fatta sentire un po’ di stanchezza, abbiamo commesso qualche errore di troppo, ma siamo stati bravissimi a fare la differenza nelle fasi finali del terzo e quarto parziale. Penso che abbiamo fatto un mese eccellente con tante vittorie consecutive e, come allenatore di questa squadra, non posso che essere felice”.

Verva Warszawa Orlen Paliwa-Sir Sicoma Monini Perugia 1-3 (17-25, 25-23, 21-25, 24-26)
Varsavia:
Kowalczyk ne, Kwolek 14, Krol 2, Brizard 7, Wrona ne, Niemiec 10, Nowakowski 9, Kopysc ne, Grobelny, Jaglarski (L) ne, Wojtaszek (L), Tillie 6, Udrys 7, Kozlowski ne. All. Anastasi.
Perugia: Piccinelli, Hoogendoorn, Ricci (L) ne, Taht, Biglino ne, Leon 25, Lanza 1, Zhukouski 1, Russo 4, Colaci (L), Atanasijevic 10, De Cecco 1, Plotnytskyi 16, Podrascanin 11. All. Heynen.
Arbitri: Akinci (Turchia) e Cambré (Belgio).
Note: Spettatori 5500. Varsavia: battute vincenti 5, battute sbagliate 20, attacco 44%, ricezione 51%-31%, muri 6, errori 30. Perugia: battute vincenti 4, battute sbagliate 21, attacco 57%, ricezione 44%-21%, muri 9, errori 32.

(fonte: Comunicato stampa)

LEADERBOARD_GPCAR_2008