La VolleyUp Acquaviva mai così in alto in serie C

LEAD_BASE_ALD
Foto VolleyUp

Di Redazione

E adesso come si fa a tenere i piedi ben piantati per terra? E’ l’interrogativo più ricorrente dopo il successo ottenuto ieri, nella nona giornata del campionato di serie C, dalle libellule della VolleyUp & Eulogic Acquaviva. Quella contro l’Asd Foggia Volley è stata la terza vittoria consecutiva, tre punti che portano il sestetto di capitan Forino al quinto posto in classifica a pari merito con l’Asem Volley Bari, già battuto due settimane fa sempre al palazzetto Tommaso Valeriano. Mai nel suo percorso in questa categoria – compresa la precedente stagione – la VolleyUp era riuscita a raggiungere un punto così alto.

Va dato atto al direttore sportivo, Petrelli, di averci visto giusto quando, anche nei momenti di difficoltà coincisi con l’esonero di mister Polignano, continuava ad affermare che questa squadra vale molto di più di una semplice salvezza.

E vanno anche riconosciuti i meriti al nuovo allenatore, Beppe Fanelli, che adesso ad Acquaviva è considerato un po’ come l’uomo della provvidenza, colui che ha saputo tirar fuori da ogni singola giocatrice quella furia agonistica che latitava nella prima parte del torneo. Non è un caso che si tratta di un’altra vittoria ottenuta in rimonta dopo che l’Eulogic aveva perso il primo set (26-28), a conferma di quanto sosteniamo in merito alla forza mentale con cui adesso la squadra affronta gli avversari. I tre parziali successivi (25-10, 25-23, 25-20) certificano lo stato di grazia in cui si ritrova oggi la VolleyUp, e tutto ciò nonostante gli acciacchi fisici stiano limitando alcune delle atlete più rappresentative.

Sabato a Locorotondo l’ultimo sforzo prima della pausa per le festività natalizie, un calendario propizio per tentare un ulteriore allungo verso le zone alte della graduatoria.

CLASSIFICA: Terlizzi 22; Leporano 22; Nardo’ 20; Conversano 19; VolleyUp & Eulogic Acquaviva 18; Bari 18; Cutrofiano 13; Foggia 12; Potenza 10; Bitonto 10; Brindisi 7; Locorotondo 7; Taranto 6; Corato 5.

(Fonte: comunicato stampa)

LEAD_ERBAVOGLIO_ISTITUZIONALE