Arriva lo stop per Bellaria in casa della prima della classe, il Pietro Pezzi Ravenna

LEAD_Alfapaint_istit
Bellaria

Di Redazione

Una sconfitta in cui i bellariesi restano in partita solamente nel primo e nel terzo parziale, contro l’esperta squadra ravennate, ottimamente orchestrata dal palleggiatore Cerquetti (un lusso per la serie C).

Come detto, prestazione piuttosto altalenante per i romagnoli, che ricalca in parte l’andamento delle prime gare stagionali. La parola al coach Botteghi: “A livello di classifica è una sconfitta che ci poteva stare. In realtà non sono per niente contento di essere tornato a casa con zero punti. Purtroppo, mostriamo a tratti di poter competere con tutti, di avere le armi per rimonte pazzesche come nel primo set da 24-20 a 24-25, ma anche lì ci siamo mangiati tre occasioni con un servizio out, con un bagher di alzata sul seggiolone dell’arbitro e con una facile difesa lasciata cadere.

Mi fa incavolare questa situazione perché se trovassimo un po’ di continuità potremmo puntare molto in alto. Contro squadre con giocatori più scafati e forti come Pietro Pezzi paghiamo dazio. La nostra realtà di classifica però adesso è un’altra e, in ottica di guadagnarci un posto ai playoff, diventa fondamentale la prossima gara contro la Consar Ravenna”.

Coach Botteghi rivoluziona in parte sestetto in campo: regia affidata a Sampaoli, in diagonale con Evangelisti; in posto 4 insieme a Morichelli dentro Ciandrini; al centro Virgili, affiancato da Pivi; nel ruolo di libero torna al suo posto Mancinelli.

Nel primo parziale Bellaria fatica da subito in ricezione: di conseguenza le difficoltà si spostano sull’attacco che si scontra spesso e volentieri contro i muri di Belloni. Il set sembra compromesso quando Ravenna si porta sul 18-10. L’ingresso di Cucchi e Pianezza riaccende la squadra; è proprio con l’opposto al servizio che i bellariesi rimettono in piedi un set compromesso (da 24-20 a 24-25). Nella lotteria dei vantaggi, Triossi stoppa il diagonale di Ciandrini per il 29-27 finale.

Secondo set compromesso fin dalle prime battute per Bellaria: i ravennati sono avanti 9-2 dopo pochi scambi e mantengono senza problemi il vantaggio per il 25-18 finale.

Nel terzo set, dentro Fabbri in posto 4 e Tosi Brandi al centro. Dopo un inizio equilibrato, il RomagnaBanca si prende un buon vantaggio grazie ai muri di Pivi, Morichelli e Pianezza (5-9). I ravennati sono bravi a impattare sull’11 pari, anche grazie all’alta fallosità dei bellariesi. Il servizio bellariese crea un nuovo break con il massimo vantaggio sul 13-18. Sul 18-22 però il cambiopalla bellariese si inceppa e la partita prosegue punto dal 22-22. Sull’ultima azione, grande difesa di Mancinelli trasformata dall’attacco di Fabbri (27-29).

Purtroppo per Bellaria la vittoria del set è un fuoco di paglia: Cardia al servizio spezza le resistenze dei biancoazzurri con ben quattro ace (9-2), indirizzando il set che si conclude con un mesto 25-12.

Pietro Pezzi Ravenna Ra – Romagna Banca Bellaria I.m. Rn

3-1

29/27 25/18 27/29 25/12

Tabellino:

Sampaoli 0, Evangelisti 2, Morichelli 22, Ciandrini 2, Pivi 10, Virgili 2, Mancinelli LIB, Cucchi 1, Pianezza 9, Fabbri 8, Tosi Brandi 3, Tamburini ne

(Fonte: comunicato stampa)

LEADERBOARD_GPCAR_2008