Verona torna a sorridere battendo Latina, Boyer vince il “derby” francese con Patry

LEAD_ERBAVOGLIO_ISTITUZIONALE
Foto BluVolley Verona

Di Redazione

Vittoria. Fra gli applausi del pubblico, le grida e i sorrisi. La Calzedonia Verona ritrova il successo contro la Top Volley Latina, scrollandosi di dosso gli ultimi risultati negativi per tornare a festeggiare.

I pontini sono stati meno precisi in attacco e meno incisivi a muro ma comunque presenti nel match seppur incapaci di mantenere una regolarità, dall’altra parte della rete il Verona ha trovato in Boyer, il miglior realizzatore dell’incontro, un elemento capace di spostare l’equilibrio con 23 punti e 51% in attacco (zero errori): l’opposto veronese ha prevalso nel derby transalpino con il suo connazionale Patry visto che l’opposto pontino ha totalizzato 18 punti e il 47% in attacco (due errori).

1° set: Calzedonia Verona in campo con Franciskovic-Boyer, Cester-Birarelli e Asparuhov-Muagututia. La partita comincia in equilibrio, si vede qualche errore di troppo da parte di entrambi i sestetti. Latina si conferma solida a muro, Rossi ferma due volte Boyer che, però, risponde con i suoi colpi sontuosi e porta avanti la Calzedonia. Anche Cester dice la sua, costringendo Latina a una serie di errori che portano sul 18-12 dopo un quarto d’ora di gioco. Nel finale di set, qualche brivido per la rimonta degli ospiti, ma il set point arriva dalle mani esperte di capitan Birarelli.

2° set: Tocca a Latina prendere il largo, stavolta. Il muro gialloblù lavora a pieno ritmo su Patry, sul 6-10 il primo tempo di Bira ridà la carica. In difesa, però, si continua a soffrire, e le bordate di Boyer non bastano. Sul 15-21 una serie fatale di errori chiudono il set con Karlitzek.

3° set: L’equilibrio dei primi scambi si infrange sul poderoso mani-out di Muagututia, la Calzedonia prende il largo con gli attacchi di Solé, l’8-5 esalta l’Agsm Forum. Il momento è positivo: il muro gialloblù accende l’Agsm Forum, Cester mette due primi tempi pazzeschi per il 17-10, e Solé dà spettacolo a muro. La Calzedonia è inarrestabile in attacco, la Top Volley va in forte difficoltà e Boyer non perdona. Chiude i conti Marretta, con un gran diagonale.

4° set: Partita decisamente accesa nel quarto set. Si combatte punto a punto, la schiacciata di Asparuhov dell’8-8 è un colpo di pura classe, e presto i gialloblù si costruiscono un piccolo vantaggio con l’ace di Cester. Asparuhov sale in cattedra con due attacchi irresistibili, sul 18-16 la sfida è più che mai aperta. L’errore di Palacios in battuta porta agli scambi finali, ed è la Calzedonia a farla da padrone con due ace di Cester. Match ball affidata a Boyer, che non sbaglia e fa alzare in piedi tutto l’Agsm Forum.

Radostin Stoytchev: “Vittoria importante, era l’ultima possibilità per reagire dopo aver perso le nostre sicurezze nelle scorse vittorie. Non era in dubbio la volontà dei giocatori, che avevano tantissima voglia ma non riuscivano a esprimerla. Sono contento che un sestetto diverso in partenza abbia dato i suoi frutti, la reazione c’è stata e ci ha aiutato anche il pubblico. Grazie a loro e alla società per la pazienza. La pallavolo è uno sport psicologico, a volte l’insicurezza blocca il gesto tecnico e tutto diventa diverso. Dobbiamo evitare di entrare in queste situazioni, se ci riusciamo il nostro livello può crescere molto”.

Luca Spirito: “Ci voleva davvero questa vittoria, dopo le ultime prestazioni. Per noi, per il pubblico, per come stiamo dando tutto in allenamento, i risultati non ci rendevano giustizia. Il secondo set è partito come già successo, ma la reazione c’è stata, nel terzo set siamo ripartiti tutti insieme, su tutti i fondamentali, arrivando alla vittoria. Il pubblico ha aiutato tantissimo, l’ultima volta in casa avevamo giocato male, da parte nostra doveva esserci una reazione per loro che ci sostengono sempre”.

Alberto Elia:E’ stata una partita molto combattuta, siamo stati vicini a recuperare il primo set e avevamo bisogno di venire a fare i corsari a Verona. Abbiamo giocato un buon primo set e speravamo di mettere sotto i nostri avversari e non ci siamo riusciti, forse quell’avvio ha un po’ pregiudicato la nostra gara e loro sono venuti fuori alla distanza, hanno allungato e poi ci hanno dato il colpo di grazia. Le cose positive? Sicuramente il buon approccio iniziale e la voglia di vincere in modo autoritario il secondo set. Per il futuro deve crescere dentro di noi un po’ di rabbia perché dobbiamo mettere in campo gli attributi per guadagnare i punti che ci servono“.

CALZEDONIA VERONA – TOP VOLLEY LATINA 3-1 (25-23; 15-25; 25-14, 25-20)
CALZEDONIA VERONA: Kluth ne, Marretta 2, Birarelli 2, Asparuhov 13, Boyer 23, Franciskovic 0, Solé 7, Cester 10, Spirito 1, Aguenier ne, Muagututia 6, Zanotti ne, Donati (L) ne, Bonami (L), Chavers ne. All.: Stoytchev.
TOP VOLLEY LATINA: Peslac 0, Szwarc 2, Cavaccini (L), Van Garderen 10, Sottile 2, Rossato ne, Patry 17, Karlitzek 15, Elia 7, Rossi 4, Onwuelo 1, Rondoni (L) ne, Palacios 1. All.: Tubertini
ARBITRI: Cerra, Rapisarda.
Calzedonia Verona: attacco 51%, ricezione 51% (perfetta 29%), muri 9, battute: ace 6, sbagliate 17. Top Volley Latina: attacco 49%, ricezione 47% (perfetta 18%), muri 7, battute: ace 6, sbagliate 15
Note: Spettatori: 3469. MVP: Luca Spirito. Durata dei set: 29’; 23’; 21’, 27’. Totale: 100’

(fonte: Comunicato stampa)

LEADERBOARD_GPCAR_2008