Ivan Zaytsev: “Teniamoci stretta questa concretezza”

LEAD_ERBAVOGLIO_ISTITUZIONALE
Foto LVM

Di Redazione

Un primo set non brillantissimo ma poi la partita è cambiata completamente come spiega Ivan Zaytsev – top scorer con 17 punti – al termine del match: “Abbiamo fatto fatica a trovare le nostre dinamiche e nel primo set Piacenza è riuscita a metterci in difficoltà, abbiamo subito un paio di serie di servizi che ci hanno fatto rincorrere. Nel finale però siamo stati bravi a dimostrarci molto concreti e pronti a sfruttare le nostre occasioni”.

Vinto il primo set tutto è andato liscio: “Loro probabilmente hanno subito il contraccolpo psicologico del primo set perso, noi d’altro canto abbiamo trovato un servizio davvero molto importante e abbiamo sfruttato questo fondamentale davvero bene, d’altronde non è che la battuta riesca per caso, soprattutto quando riesci a giocarne così tante e così bene. Vuol dire che c’è tecnica, c’è preparazione e c’è anche una certa sicurezza nel volerci sempre provare. Tant’è che nel terzo set la nostra percentuale è ovviamente scesa perché non potevamo garantire quel livello di gioco fino alla fine. Ma va benissimo così: è stato importante non avere incertezze e chiudere”.

Belle parole per Nelli, il suo backup in nazionale: “Un gran bravo ragazzo, un gran lavoratore, sono certo che anche a Piacenza farà molto bene. Spero che non ci faccia sudare troppo al ritorno. La Lube? – dice riferendosi alla semifinale di Supercoppa in programma il primo novembre a Civitanova – Ora ci penseremo, con calma, una cosa per volta. Prepareremo la partita con calma e ci faremo trovare sicuramente pronti”.

Due punti anche per l’inossidabile Fei che spiega così la sconfitta: “Abbiamo perso contro una grandissima squadra senza giocare al meglio delle nostre possibilità perché la nostra è una squadra nuova cui manda ancora un po’ di solidità e di personalità caratteriale. Ci sono le potenzialità per fare bene ma ci vorrà anche un po’ di tempo. Io sono sempre pronto a dare il mio contributo anche se il fisico lo mettono soprattutto i miei compagni – dice scherzando “Fox” – sicuramente ci metterò tutta l’esperienza che ho”.

Andrea Giani (Leo Shoes Modena): “Siamo ancora distanti dal gioco che ho in mente, non siamo fluidi come vorrei, abbiamo un discreto sideout, ma dobbiamo fare di più, serve tempo e dobbiamo costruire la nostra identità. La Supercoppa? È un appuntamento importante, ma siamo all’inizio della stagione, dobbiamo ancora costruire qualcosa di solido a livello di gioco e i trofei decisivi sono alla fine dell’anno, ma noi vogliamo vincere, è quello che deve sempre fare Modena, in tutti i match e in tutte le competizioni”.

Salvatore Rossini (Leo Shoes Modena): “Il primo set è stato decisivo, siamo stati bravi a rimontare e li c’è stata la chiave di volta del match, siamo stati uniti e non abbiamo mai mollato una palla. Loro avevano le potenzialità per farci male, noi siamo stati sempre sul pezzo. Il nuovo sistema di ricezione? Abbiamo grandi giocatori e sfruttiamo le loro caratteristiche, io ho buone sensazioni. La supercoppa? Dovremo lavorare alla grande in questa settimana, vogliamo fare bene, vogliamo vincere”.

Daniele Mazzone (Leo Shoes Modena): “E’ stata una bella partita con un grande recupero nel primo set, loro si sono dimostrati un’ottima squadra, ma siamo stati bravi a restare sempre nel match. Personalmente devo ancora lavorare ancora tanto a muro e in battuta. La Supercoppa? Sarà difficile e giocheremo contro squadre di altissimo livello, penso che tutte e quattro le compagini abbiano le stesse chance di vincere, noi ci metteremo tutto, vogliamo portare a Modena il trofeo”

QUI L’ANALISI DELLA PARTITA

QUI LA CRONACA DI GAS SALES PIACENZA-LEO SHOES MODENA

LEAD_ERBAVOGLIO_ISTITUZIONALE