Mancata diretta streaming e minacce al presidente: la versione della Volalto 2.0 Caserta

LEADERBOARD_GPCAR_2008
Logo Volalto Caserta 2.0

Di Redazione

La Volalto 2.0 Caserta, oggi, tramite una conferenza stampa, ha fornito la sua versione riguardo alla mancata diretta streaming della prima partita di campionato contro Firenze e alle minacce di morte ricevute dal Presidente Turco con tanto di scritta sul muro del palazzetto “Turco a morte”.

Ecco il comunicato stampa della società.

La Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta intende far luce su due episodi spiacevoli registrati negli ultimi giorni. Il primo episodio risale a domenica 20 ottobre us, a poche ore dalla gara casalinga contro il Bisonte Firenze, allorquando 4 soggetti ignoti, che solo per deduzione logica si ritiene essere gli addetti incaricati dalla Pmg di effettuare le riprese per la diretta streaming, si sono presentati al PalaVignola e, con un pretesto, hanno aggredito un tifoso-volontario che, in quel momento, era intento a ripulire il taraflex. Questi stessi soggetti, dopo l’aggressione al malcapitato, si sono poi allontanati dal PalaVignola, impedendo di fatto le riprese della partita di A1 – e, dunque, la diretta streaming – creando un enorme danno alla nostra società.

Il secondo episodio sul quale la Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta intende richiamare l’attenzione, riguarda il rinvenimento di stamattina (23/10, ndr), sul muro esterno del PalaVignola e sulla lamiera che delimita il cantiere del “Villaggio del Volley”, di scritte ad inchiostro recanti la dicitura “Turco a morte”. La società, seppur profondamente turbata da questi accadimenti, continuerà il percorso avviato, volto anche al riscatto in termini sportivi e sociali della città di Caserta, e affronterà serenamente il campionato di A1 da poco inaugurato.

La Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta va avanti, quindi, e fa sapere che saranno attivate le autorità giudiziarie competenti per attribuire le responsabilità di entrambi gli episodi a chi di dovere.

(Fonte: comunicato stampa)

LEADERBOARD_GPCAR_2008