Andrea Mattei: “Riparto da Reggio Emilia”

LEAD – SOCAF-Acquarial_C
>
Foto Emma Villas Siena

Di Roberto Zucca

L’entusiasmo scorre sul filo di Reggio, una squadra ormai storica della serie A2 e distante pochi chilometri dal palcoscenico più bello della pallavolo, ovvero Modena. È qui a Reggio che Andrea Mattei ha scelto di riniziare tutto. La delusione per la stagione appena trascorsa a Siena è palpabile ma la voglia di rientrare subito nei suoi numeri e nelle sue performance è prioritaria:

La stagione a Siena me la sono buttata alle spalle già da un po’. È stata deludente per tutti e sicuramente si è chiusa con il rammarico di non aver potuto dare una mano alla squadra in tanti momenti perché non rientravo nelle scelte del tecnico”.

Si era parlato di un suo cambio di ruolo.
Mi sono allenato per gran parte dell’anno da opposto e ormai stavo cercando di farmi le ossa come posto due. La cosa positiva è che nel mio bagaglio ho un ruolo in più con cui potermela giocare. Credo che per un atleta possa essere un plus il saper ricoprire due posizioni”.

A Reggio per? Continui lei la frase…
Per ripartire. Dalle mie consapevolezze e dalla mia voglia di fare. Penso di aver fatto un percorso, che mi ha aiutato a maturare in campo non solo tecnicamente ma anche caratterialmente. Voglio togliermi di dosso il passato ingombrante fatto di alcune scelte dopo Padova non proprio al top. E riprendere un cammino verso la Superlega per riscrivere un altro capitolo”.

Prime considerazioni sulla squadra?
Molto unita. Dentro e fuori dal campo. Ho capito che l’ambiente può fare molto e il clima che si respira è quello degli anni migliori. Questo mi aiuta ad allenarmi bene”.

Le è pesato scendere di categoria?
“No perché mi è piaciuto il progetto sin da subito. La A2 è un campionato lungo nel quale ci vuole molta resistenza fisica. E penso che quello sia il mio forte. Sono uno di quei centrali che vuole macinare punti in campo e che ha ancora il ragazzino delle giovanili dentro di sé che vuole spaccare il mondo”.

Lo ha fatto anche quest’anno col beach?
(ride ndr) Bella esperienza. Assolutamente da ripetere. Mi sono divertito con Matteoni e il prossimo anno vorrei anche vincere qualche bel torneo. Anche il beach mi è servito a staccare un po’ quest’estate. Ora però la testa è qui a Reggio. Vogliamo i playoff e vogliamo vincere tanto assieme”.

LEADERBOARD_GPCAR_2008