Simone Parodi è in Polonia: vuole il posto di Deroo

Sandlovers_LEADERBOARD
Foto: Paola Libralato

Di Redazione

Grande opportunità per Simone Parodi che è partito alla volta della Polonia per effettuare un tryout con i campioni in carica di PlusLiga dello Zaksa Kedzierzyn-Kozle. L’attaccante, che lo scorso anno ha chiuso la stagione a Latina, potrebbe dunque essere di fronte alla prima occasione di giocare da grandissimo protagonista in un campionato estero.

La notizia è stata diffusa con soddisfazione via social anche dal padre di Simone, Roberto. Il campionato polacco partirà alla fine del mese e Simone ha tutto il tempo di prendersi il suo spazio, anche se molto dipenderà da lui.

La situazione è abbastanza contorta e merita di essere spiegata: tutto dipende dalla scelta di Sam Deroo di andare a giocare alla Dinamo Mosca per sostituire l’infortunato Taylor Sander. Lo Zaksa, molto generosamente, ha liberato il suo giocatore consentendogli di firmare un contratto sontuoso ma al tempo stesso si è ritrovato senza uno schiacciatore di alto livello. Il mercato offriva alcune opportunità: la prima era quella rappresentata da Nikolay Penchev, opposto dell’Onico Varsavia. La situazione difficile club della capitale visto il recente fallimento dell’Onico sembrava accelerare il passaggio ma ora, con l’inserimento di un nuovo proprietario e di nuovi sponsor, il club di Varsavia potrebbe rilanciarsi. Di fatto la trattativa con Penchev non si è mai conclusa. Dopo circa due settimane di abboccamenti lo Zaksa ha deciso di forzare i tempi e si è buttato con convinzione su Parodi, forse anche per merito di qualche indicazione di Andrea Gardini che con i polacchi lo scorso anno ha vinto il titolo e con i quali ha mantenuto un rapporto eccellente. Al momento il trasferimento è “pendant”: non confermato. Ma che Parodi si stia allenando con lo Zaksa nel tentativo di conquistare un posto al sole in PlusLiga è verificato.

Simone Parodi lo scorso anno ha messo a terra 143 punti in 26 partite e 81 set: 19 i muri punto, tre gli ace.

(Fonte: Simone Parodi Soc)

LEAD_ERBAVOGLIO_ISTITUZIONALE