Europei maschili: Urnaut respinge la Finlandia, Germania ancora ko

LEAD_ERBAVOGLIO_ISTITUZIONALE
Foto CEV

Di Redazione

Terza giornata dei Campionati Europei maschili con molte big a riposo (Italia, Polonia, Serbia) ma ravvivata dalle vittorie delle squadre padrone di casa. Se la Francia si libera della Grecia con molte meno difficoltà rispetto a quelle incontrate dagli azzurri, la Slovenia deve invece faticare contro una combattiva Finlandia. Vincono anche l’Olanda e il Belgio, che infligge alla Germania la seconda sconfitta della competizione, mettendo a rischio il cammino della squadra di Giani.

A Ljubljana ci sono quasi 8000 spettatori, ma a tratti la squadra di casa sembra la Finlandia, con il suo tifo scatenato che ben ricordiamo anche in Italia. Tervaportti e compagni vanno vicini alla rimonta nel secondo set (da 21-18 a 26-24) e strappano il terzo ai vantaggi; poi però ci pensano Tine Urnaut, autore di 21 punti, e Ziga Stern (4 muri vincenti e 2 ace) a trascinare la Slovenia. Terzo successo per la Russia, che anche stavolta rischia di cedere un set contro la Macedonia del Nord (30-28 nel terzo): a riposo diversi titolari, il migliore è Volkov con 15 punti.

Nessun problema per la Francia, che a Montpellier surclassa la Grecia con 25 punti dello scatenato Stephen Boyer (66% in attacco), soffrendo solo nel finale del terzo. La Bulgaria deve invece lottare contro il Portogallo, perdendo il secondo set e portando a casa in volata gli altri tre: Tsvetan Sokolov è il re con 33 punti, ma il fondamentale decisivo è la ricezione (ottimo Skrimov con il 65%).

Altro capitombolo per la Germania che, sotto 0-2, recupera due set sul Belgio, ma alla fine si arrende al tie break. Ai tedeschi non bastano 10 ace di squadra e 27 punti di Fromm: troppi gli errori (40 contro 16 degli avversari!) e ora la qualificazione è a rischio. Vola invece la Slovacchia, che batte l’Austria per 3-1. Nel gruppo di Rotterdam l’Olanda deve ricorrere per due volte ai vantaggi contro l’Ucraina: spicca la prova di Nimir Abdel-Aziz con 21 punti e il 59%. Combattuta, malgrado il 3-0, anche la sfida tra Montenegro ed Estonia.

Oggi, oltre alla sfida tra Italia e Romania, il menu si concentra sul big match tra Olanda e Polonia alle 16; torna in campo la Serbia contro la Slovacchia, mentre la Slovenia sfida la Turchia.

Pool A: Grecia-Francia 0-3 (14-25, 18-25, 24-26), Bulgaria-Portogallo 3-1 (25-23, 28-30, 25-23, 25-22). Classifica: Bulgaria 3 vittorie (9 punti), Francia e Italia 2 (6), Portogallo, Grecia e Romania 0 (0). Prossimo turno (15/9): Italia-Romania ore 14; Portogallo-Francia ore 17.30.

Pool B: Germania-Belgio 2-3 (23-25, 17-25, 25-22, 25-15, 13-15), Slovacchia-Austria 3-1 (19-25, 25-20, 25-21, 25-15). Classifica: Belgio e Slovacchia 2 vittorie (5 punti), Serbia 1 (3), Spagna e Germania 0 (1), Austria 0 (0). Prossimo turno (15/9): Spagna-Belgio ore 15.30; Serbia-Slovacchia ore 18.30.

Pool C: Macedonia del Nord-Russia 0-3 (15-25, 16-25, 28-30), Slovenia-Finlandia 3-1 (25-18, 26-24, 24-26, 25-15). Classifica: Russia 3 vittorie (9 punti), Slovenia 2 (6), Turchia e Finlandia 1 (3), Bielorussia e Macedonia del Nord 0 (0). Prossimo turno (15/9): Bielorussia-Finlandia ore 17.30; Turchia-Slovenia ore 20.30.

Pool D: Ucraina-Olanda 0-3 (26-28, 27-29, 21-25), Estonia-Montenegro 0-3 (23-25, 28-30, 23-25). Classifica: Olanda 2 vittorie (6), Polonia, Montenegro e Ucraina 1 (3), Repubblica Ceca ed Estonia 0 (0). Prossimo turno (15/9): Olanda-Polonia ore 16; Rep.Ceca-Estonia ore 19.

(fonte: Cev.eu)

LEAD_ERBAVOGLIO_ISTITUZIONALE