L’Italia parte vincendo, Colaci: “Abbiamo pasticciato, ci diamo la sufficienza ma dobbiamo crescere”

LEADERBOARD_GPCAR_GENERIC
Fonte: CEV.com

Di Redazione

L’Italia batte il Portogallo all’esordio nel Campionato Europeo, queste le voci del dopo partita.

Massimo Colaci: “Per migliorare il gioco abbiamo ancora del tempo, l’importante era portare a casa il primo risultato e ora l’importante sarà crescere. Abbiamo pasticciato un po’, a tratti siamo andati così così ma siamo stati bravi a riprenderci. Lasciamoci alle spalle la qualificazione olimpica che ormai fa parte del passato, noi puntiamo al podio e a una medaglia. Oggi meritiamo la sufficienza, ma sappiamo di poter fare molto meglio così”.

Simone Anzani:Giocare con Giannelli è facile, è da maggio che giochiamo insieme e l’intesa è ottima. Abbiamo rotto il ghiaccio e abbiamo degli elementi per crescere ancora e migliorare da qui in avanti”.

Matteo Piano: “Dobbiamo essere bravi a crescere partita dopo partita, oggi eravamo alla gara d’esordio dopo un lungo periodi preparazione e avevamo proprio voglia di scendere in campo. Sappiamo che il torneo sarà lungo e faticoso. Dobbiamo essere bravi a dosare le nostre energie con l’obiettivo di inseguire i nostri desideri. È stata una partita strana nella quale era importante rimanere focalizzati e noi lo abbiamo fatto. Il rischio concreto era che se ci fossimo fermati loro si sarebbero rifatto sotto come hanno provato a fare nel terzo set. Oggi qui c’era un’atmosfera strana. Siamo reduci da Bari dove avevamo un pubblico fantastico, ma le squadre forti traggono insegnamenti anche da queste situazioni”.

Gianlorenzo Blengini“Sono soddisfatto, al di là dell’avversario, in queste gare bisogna spingere, abbiamo giocato una buona pallavolo per buona parte del match anche se poi abbiamo iniziato l’ultimo set con un po’ di disattenzioni individuali. In alcune situazioni del terzo set loro ci hanno messo difficoltà non avendo nulla da perdere. In quei casi però bisogna essere bravi a rimanere concentrati e noi lo abbiamo fatto. Siamo stati bravi in quei frangenti”.

LEAD_ERBAVOGLIO_ISTITUZIONALE