Juantorena e gli Europei: “Ne devo parlare con Blengini, se lui vuole io sarò a disposizione dell’Italia”

ISPEDIA_LEADERBOARD
Foto FIVB

Di Redazione

Artefice della qualificazione alle Olimpiadi di Tokyo 2020 con la maglia della nazionale italiana, lo schiacciatore Osmany Juantorena, in un intervista rilasciata ad Andrea Scoppa de “Il Resto del Carlino Macerata“, ha dichiarato di mettersi a disposizione degli azzurri anche per i prossimi Europei in programma dal 12 al 29 settembre .

È stato un compleanno coi fiocchi, anzi coi cerchi, 5 e di colore diverso come sono quelli delle Olimpiadi, per Osmany Juantorena. Neo 34enne, lo schiacciatore italo-cubano da poche settimane con i gradi di capitano della squadra campione d’Italia e d’Europa, domenica sera è stato uno dei trascinatori dell’entusiasmante Nazionale che ha annichilito 3-0 la Serbia conquistando la partecipazione a Tokyo 2020. Missione compiuta per gli azzurri guidati dall’ex Lube Blengini ed emozione fortissima per Juantorena che a fine gara è stato immortalato a terra e in lacrime.

Juantorena, domenica un’Italia praticamente perfetta… «Non mi aspettavo di sconfiggere in questo modo una signora squadra come la Serbia, specie dopo aver sudato contro l’Australia. Ci siamo rifatti anche di qualche precedente giocando alla grande».

Suo l’ultimo punto con una schiacciata tanto difficile quanto bella stilisticamente… «Soprattutto importante per prendere il biglietto per Tokyo. Andare alle Olimpiadi sta diventando sempre più difficile».

Le sue lacrime finali testimoniano quanto sentisse la partita e tenesse a portare l’Italia alle Olimpiadi? «È stato qualcosa di spontaneo. Potevo stare in vacanza, invece ho voluto tornare in Nazionale e questo era l’ultimo treno per me. Sono contentissimo e l’emozione è stata enorme».

Settimane fa mi rispose che era un’estate bella ma era concentrato sulla nazionale: adesso può dire che è il periodo più bello della sua vita sportiva? «Credo si possa dire, me lo sto godendo e non finisce qua».

Cioè fa riferimento agli imminenti Europei? «Ne devo parlare con Blengini, se lui vuole io sarò a disposizione dell’Italia. A Civitanova saremmo comunque pochi al raduno, perché non continuare a sognare in azzurro?».

Sandlovers_LEADERBOARD