Il Brasile non è un bluff: batte la Serbia e conquista il Trofeo Wagner, Leal in grande crescita

Sandlovers_LEADERBOARD

Di Redazione

Poche ore di recupero dopo la bella vittoria contro la Polonia e il Brasile è di nuovo sul flex per giocare contro la Serbia per conquistare il Trofeo Wagner: la partita contro la squadra allenata da Nikola Grbic è poco più di una formalità per la Seleçao che si dimostra in forma eccellente e perfettamente integrata.

Chiude 3-0 con crescente autorevolezza (25-22, 25-20,25-14) e ridimensiona ulteriormente una Serbia che si è dimostrata la vera delusione del torneo. Brasile subito avanti nel primo set con un break di quattro punti (6-2) che si amplia e che i verdeoro gestiscono nel finale quando la squadra di Atanasijevic si rifà sotto. Puntando ancora su Thiago in palleggio  e ruotando gli attacchi in modo molto ampio su tutto il ventaglio offerto da Abouba, Leal (molto più coinvolto rispetto alle prime due gare), ma soprattuttosu Isac, Mauricio, Wallace e Lucarelli, il Brasile parte più forte nel secondo set ma la vera prova la offre quando sul 19-18 infila cinque punti di fila con Leal eccellente protagonista fino alla firma sulla palla set. Il terzo set vede la Serbia crollare sotto l’aspetto mentale con il Brasile che si allena: il parziale diventa a tratti imbarazzante per  i servi, dal 12-7, al 16-8, al 20-12: anche in questa frazione è Leal a fare vedere le cose migliori con Thiago che lo chiama con sempre maggiore costanza.

Migliore realizzatore è  proprio Leal (17 punti) con Isac (13) in doppia cifra e anche Wallace e Mauricio Borges in evidenza dopo che Renan decide di ruotare gli effettivi. Il Brasile torna a concentrarsi a questo punto sulle qualificazioni per le Olimpiadi di Tokyo: la Seleçao resta in Europa per trasferirsi in Bulgaria dove a Varna giocherà con i padroni di casa, l’Egitto e Porto Rico l’accesso olimpico.

Nell’ultima partita in programma del Memorial Wagner la Polonia ha battuto la Finlandia 3-0 (25-19, 25-16, 25-19) al termine di una partita mai in discussione che ha consentito a Vital Heynen di far ruotare tutti giocatori a disposizione: Sliwka, utilizzato poco nelle precedenti partite, è il top scorer con 16 punti, seguito da Konarski con 11. La Polonia chiude al secondo posto alle spalle del Brasile. Terza la Serbia con una vittoria, quarta la Finlandia con tre sconfitte.

(Fonte: Siatka.org)

Sandlovers_LEADERBOARD