Sora, Luca Giannetti: “Calendario? Noi siamo abituati a combattere”

Spalding_Leaderboard
Foto Ufficio Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Di Redazione

La Globo Banca Popolare del Frusinate Sora può cominciare ufficialmente a fare i conti con i suoi avversari dopo che giovedì a Salsomaggiore Terme è stato presentato il calendario di SuperLega Credem Banca.

Presso il Palazzo dei Congressi, dove si è tenuto il rush finale del Volley Mercato 2019, lo show “La Prima Battuta” condotto dal giornalista RAI Alessandro Antinelli, ha tenuto a battesimo il 75° Campionato di Serie A Credem Banca, oltre quello di Serie A2 e la novità della A3.

Il calendario, anche quest’anno elaborato con un software sviluppato grazie alla sinergia tra il Laboratorio Gol dell’Università di Firenze e la Lega Pallavolo, segna con la definizione dei turni, il destino delle partecipanti al torneo più bello del mondo. Sulla carta quello della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora sembra davvero un percorso interessante e tutto da vivere con l’algoritmo comunque a mettere alla prova coach Colucci e i suoi ragazzi.

Un percorso che il club intende fare assieme al centrale Gabriele Di Martino per il quale durante il volley mercato non è stato possibile perfezionare l’iter burocratico per il tesseramento per motivi non dipendenti dall’Argos Volley. La società comunque, conferma quanto già precedentemente comunicato ossia che è legata all’atleta da un contratto di scrittura privata anche per la prossima stagione sportiva 2019/2020, per cui è in attesa di ulteriori sviluppi della situazione creatasi.

Tornando al calendario, il consulente tecnico, Luca Giannetti, scoprendolo a caldo ha avuto la conferma “che sarà un campionato ancora più duro di quello passato ma che come sempre, Sora sarà lì a battagliare”.

Il 20 ottobre debutto in trasferta a Verona, “si parte subito con una prova importante e tosta contro una squadra esperta e dall’alto tasso tecnico che vorrà sicuramente dimostrare di iniziare bene un nuovo progetto”.

La prima giornata fuori casa però, vuol dire anche la prima del girone di ritorno al PalaCoccia di Veroli il giorno di Santo Stefano: “Giocare in casa il 26 dicembre è sempre una ottima opportunità per avvicinare nuove famiglie alla pallavolo, oltre che occasione per trascorrere un Natale un po’ più tranquillo tra giocatori e staff”.

Il pubblico locale dovrà aspettare la domenica 27 ottobre per vedere i suoi beniamini dal vivo nello scontro con il Ravenna di coach Bonitta: “Per loro, come anche per noi, questa è davvero una lunga attesa. L’ultima gara giocato in casa dello scorso campionato è stata quella del 24 marzo, e fino al 27 ottobre saranno trascorsi ben sette mesi, un tempo enorme se paragonato a quelli di altri sport, come ad esempio il calcio, che quasi non si fermano. I calendari della pallavolo oramai da anni soffrono di contingenze e interessi contrastanti, alle quali occorrerebbe trovare una soluzione”.

Alla terza giornata lo scontro con la prima big, Modena, nel suo tempio del PalaPanini: “L’algoritmo, al quarto anno di SuperLega, sancisce oramai una tradizione con Modena a essere sempre la prima top player che incontriamo, con nostro grande piacere, nel suo tempio”.

Dalla quarta giornata invece parte il tour de force con 7 gare in 22 giorni che si aprirà il 10 novembre con la ricezione di Padova tra le mura amiche, e terminerà il primo dicembre con la prima volta di Piacenza al PalaCoccia. All’interno di questo blocco nel quale si gioca ogni tre giorni (mercoledì-domenica), spazio alla classicissima trasferta a Vibo Valentia, mercoledì 13 novembre, al derby con Latina in casa il mercoledì 20 novembre, alla trasferta al cospetto di Perugia mercoledì 27 novembre e all’ospitata di Milano domenica 24 novembre.

In termini di classifica sarà sicuramente un blocco importante, un tour de force di scontri diretti fondamentali per la salvezza dove sarà importante arrivarci con le giuste energie fisiche e mentali”.

Il turno di riposo, che spetterà a tutti i club essendo un campionato dispari, formato da 13 squadre, è previsto proprio all’interno di questo blocco, la domenica 17 novembre. “Il riposo non è mai buono. Però purtroppo siamo in 13 e quindi meglio che sia capitato in questo blocco almeno riposiamo durante un rush fitto di partire. Diciamo che tutto sommato poteva andare peggio”.

All’Immacolata coach Colucci e i suoi ragazzi saranno a Monza, prima di chiudere il girone d’andata con le top class Trento, il 15 dicembre in casa, e Civitanova il 22 dicembre all’Eurosuole. “Una chiusura di girone e di conseguenza di campionato, oserei dire di fuoco. Sarà importante vedere come ci arriveremo a livello di classifica”.

Passando al girone di ritorno invece, dopo la prima giornata al 26 dicembre, la seconda è in calendario il 16 gennaio, e dunque ci sarà un primo stop di tre settimane seguito dall’altra interruzione dal 16 febbraio al 1 marzo.

Dopo questo secondo break, via allo sprint finale con Sora che ospiterà Perugia, Monza, e Civitanova e andrà a fare visita a Piacenza e Trento. “Non vedo molte differenze tra il girone di andata e quello di ritorno, in linea di massima prevedo lo stesso equilibrio. Alla fine, per raggiungere gli obiettivi, bisogna giocarsela con tutte, e noi siamo abituati a combattere”.

(Fonte: comunicato stampa)

LEAD_ERBAVOGLIO_ISTITUZIONALE