L’Itas Trentino raddoppia con i ragazzi in A3, Conci: “Confermiamo tutti i nostri giovani”

Spalding_Leaderboard

Di Redazione

L’ufficializzazione del calendario di Serie A3, avvenuta giovedì mattina a Salsomaggiore Terme al termine della tre giorni di Volley Mercato 2019, ha ufficiosamente tagliato il nastro della nuova avventura nel terzo campionato nazionale da parte di Trentino Volley.

Il 20 ottobre sul campo di Pordenone, la Società di via Trener si presenterà al via della regular season del girone Bianco con un team interamente composto da giocatori in fascia d’età fra i 18 e 21 anni, guidati in panchina dal Direttore Tecnico del Settore Giovanile gialloblù Francesco Conci.
“Abbiamo voluto affrontare questa nuova stimolante esperienza puntando su gran parte della rosa che nella scorsa stagione aveva disputato un campionato di vertice in Serie B e che è stata in grado di conquistare anche la medaglia d’argento in Junior League – spiega l’allenatore gialloblù, che nella sua carriera con Trentino Volley ha già conquistato sette scudetti giovanili e lanciato una decina di atleti in Serie A – l’ossatura del gruppo ha quindi una storia importante alle spalle, basti pensare che per ben nove atleti del roster sarà la quarta stagione consecutiva da vivere assieme. Gli innesti sono quindi stati davvero contenuti e mirati; con gli schiacciatori classe 2001 Giulio Magalini e Alberto Pol abbiamo infatti trovato alternative sull’attacco di palla alta, mentre col libero classe 1999 Gabriele Lambrini ci siamo dotati di un’opzione in più per quel ruolo. Il nostro organico sarà di gran lunga il più giovane di tutta la Serie A3; non è stata una scelta casuale perché sono convinto che quest’opportunità possa fungere da vero e proprio trampolino di lancio per diversi ragazzi”.

“L’obiettivo principale sarà lo stesso che da sempre contraddistingue l’attività del Settore Giovanile, ovvero la crescita fisica e tecnica delle individualità – ha proseguito Conci – : all’inizio inevitabilmente faticheremo di più, perché il salto di categoria si farà sentire specialmente nel momento in cui ci confronteremo con tante squadre provenienti dalla Serie A2. Sono però convinto che nel girone di ritorno sapremo essere sicuramente più competitivi e, verosimilmente, fra gennaio e marzo proveremo a costruirci i presupposti per agguantare la salvezza. A maggior ragione, l’esordio a Pordenone, la prima gara casalinga con Cuneo e la trasferta a Cisano Bergamasco appaiono impegni proibitivi, ma al tempo stesso molto stimolanti. Riuscire ad ottenere qualche punto già in questo primo tris di appuntamenti potrebbe essere un volano di entusiasmo davvero notevole”.

(Fonte: comunicato stampa)

Spalding_Leaderboard