Vittoria importante per gli azzurri di Graziosi che battono al tie break l’Argentina

LEAD_ERBAVOGLIO_ISTITUZIONALE
Federvolley

Di Redazione

Nella seconda gara delle Universiadi andata in scena al Pala Sele di Eboli, la nazionale maschile ha bissato il successo ottenuto nella prima uscita contro la Svizzera, superando l’Argentina al tie-break 3-2 (23-25, 20-25, 25-15 25-23, 25-12).

Dopo essere andati sotto di due set, infatti, gli azzurri hanno avuto il merito di non disunirsi, portandosi a casa il terzo parziale che ha di fatto riaperto la gara.

A quel punto, poi, l’inerzia del match è passata nelle mani dei ragazzi di Graziosi, che sono riusciti a portare la sfida al tie-break, dove sulle ali dell’entusiasmo hanno condotto fino al conclusivo (15-12).

Un risultato importante, arrivato al termine di un match molto combattuto ma nel quale gli azzurri si sono dimostrato superiori soprattutto sotto il punto di vista mentale, determinante ai fini della vittoria azzurra.

Top scorer dell’incontro l’argentino Benavidez con 26 punti all’attivo. Per la formazione tricolore, da sottolineare la prova di Giulio Pinali, autore di 25 punti.

Grazie al successo di questa sera, i ragazzi di Graziosi si portano a 5 punti nel girone e saranno nuovamente protagonisti al Pala Sele di Eboli domani alle 20 contro il Giappone, per poi chiudere la pool martedì contro il Messico (ore 20).

Il Calendario della pool D
8/7: (ore 20) Giappone-Italia
9/7: (ore 17.30) Argentina-Giappone, (ore 20) Italia-Messico.

Tabellino: ITALIA-ARGENTINA 3-2 2 (23-25, 20-25, 25-15 25-23, 25-12)

Italia: Polo 12, Pinali 25, Raffaelli 14, Ricci 4, Salsi 1, Pierotti, libero: Piccinelli, Milan 1, Romanò, Zonca 12, Galassi 8, Zoppelari 2. All. Graziosi

Argentina: Giraudo 5, Bitar 1, Benavidez 26, Rajczakowski 6, Bucciarelli 18, Arduino 2, libero: Fernandez, Nelson 7, Caceres, Roberts, Teran 1. Ne: Robins. All. Kantor.

Durata: 28’, 28’, 24’, 27’, 17’
Impianto: Pala Sele (Eboli)
Italia: 4 a, 18 bs, 15 mv, 34 et
Argentina: 4 a, 11 bs, 6 mv, 29 et

(Fonte: comunicato stampa)

ISPEDIA_LEADERBOARD