Imoco, coach Santarelli: “Dell’arrivo di Egonu si cominciò a parlarne in inverno. Un matrimonio voluto”

LEAD_ERBAVOGLIO_ISTITUZIONALE
Foto Ufficio Stampa Imoco Volley

Di Redazione

Daniele Santarelli, coach dell’Imoco Conegliano, svela il retroscena sull’arrivo del forte opposto azzurro Paola Egonu. Intervistato da “Il Gazzettino Treviso“, racconta i primi contatti tra la società e l’azzurra e della partenza di Danesi.

L’acquisto più clamoroso è stato senza dubbio quello della stella Paola Egonu, che non ha bisogno di presentazioni. Ecco perché il coach di Conegliano preferisce ripercorrere i momenti che hanno portato all’arrivo dell’opposto della nazionale al posto di Samanta Fabris, un addio mal digerito da diversi tifosi: «Di un possibile arrivo di Paola si iniziò a parlare in inverno, ma non mi sono mai sbilanciato troppo perché eravamo in un momento caldo della stagione. Credo che ci fosse la volontà della società di provare ad avvicinarsi a lei e credo che lei volesse venire da noi. Insomma, era un “matrimonio” che si doveva fare. Tutti sanno che rapporto ho con Samanta: rinunciare a lei è stato difficile per tutti noi, per me e lei in particolare. Non era facile prendere la decisione di separarci, Fabris ha dato tutta se stessa per l’Imoco. Paola è una giocatrice molto importante per il futuro e per il campionato italiano in modo particolare: la società ha preso una decisione importante e spero che sia quella giusta».

Un altro addio che ha fatto discutere è quello della centrale Anna Danesi, altra titolare fissa nell’Italia a soli 23 anni: «C’era la volontà di continuare con lei ma Anna ha preso una decisione differente perché era complesso gestire tre centrali di alto livello. Eravamo convinti che lei potesse continuare il suo percorso di crescita qui, ci abbiamo provato in tanti modi. Il mio rapporto con lei è tuttora splendido, credo che sia stata la prima a soffrire per questa partenza. Avevamo bisogno di ruotare le giocatoci, questo per lei era un po’ difficile e ha deciso di andare dove non avrà dubbi di giocare (Monza ndr)».

LEAD_ERBAVOGLIO_ISTITUZIONALE