VNL maschile, la classifica finale. Anche Russia e Polonia volano in Final Six

Sandlovers_LEADERBOARD
Foto FIVB

Di Redazione

I pronostici di inizio manifestazione, alla fine, sono stati rispettati. Sarà la Polonia campione del mondo a giocarsi le Final Six di Volleyball Nations League maschile, insieme agli USA padroni di casa e alle quattro nazionali che fin dall’inizio avevano comandato la classifica: Brasile, Iran, Russia e Francia. Le due Pool (la cui composizione è ancora da ufficializzare) si giocheranno dal 10 al 12 luglio, le semifinali sabato 13 e le finali domenica 14, in realtà nella notte tra domenica e lunedì in Italia.

Malgrado l’incertezza di inizio weekend, nessuna delle cinque squadre ancora in lizza ha avuto particolari problemi a staccare il biglietto per Chicago: Brasile e Iran hanno chiuso subito la pratica grazie alle vittorie su Francia e Serbia (doppio 3-1), poi è stata la volta della Russia (decisivo il 3-2 all’Argentina) e degli stessi francesi, che certificando l’eliminazione dell’Italia hanno dato il via libera anche alla Polonia. Termina invece dopo un solo anno l’avventura in VNL del Portogallo, che sarà sostituito dalla vincente di Challenger Cup; l’Australia si salva grazie al successo per 3-1 sulla Cina.

Proprio grazie all’ultima tappa il giapponese Yuji Nishida (220 punti) strappa la palma di miglior realizzatore ad Amir Ghafour, che conserva comunque la miglior percentuale d’attacco con uno stellare 57,73%. Nishida balza in testa anche alla classifica degli ace (ben 23) scavalcando Egor Kliuka, mentre il canadese Graham Vigrass è il primatista dei muri (29). Santiago Danani, libero dell’Argentina, primeggia nella graduatoria delle difese davanti al nostro Fabio Balaso.

RISULTATI
Pool 17 (Brisbane): Cina-Argentina 1-3 (17-25, 25-20, 21-25, 19-25); Australia-Russia 0-3 (20-25, 15-25, 18-25); Argentina-Russia 2-3 (19-25, 25-22, 18-25, 25-21, 11-15); Australia-Cina 3-1 (24-26, 25-15, 25-22, 25-18); Cina-Russia 0-3 (23-25, 23-25, 26-28); Australia-Argentina 0-3 (23-25, 18-25, 24-26).
Pool 18 (Brasilia): Italia-Canada 1-3 (25-15, 20-25, 22-25, 18-25); Brasile-Francia 3-1 (23-25, 25-18, 25-23, 25-23); Francia-Italia 3-1 (27-25, 25-19, 21-25, 25-20); Brasile-Canada 3-0 (25-20, 25-19, 25-19); Canada-Francia 0-3 (22-25, 26-28, 23-25); Brasile-Italia 3-1 (26-28, 25-22, 25-18, 25-18).
Pool 19 (Plovdiv): Iran-Serbia 3-1 (25-23, 26-28, 25-22, 25-19); Bulgaria-USA 3-1 (21-25, 25-19, 25-23, 25-23); USA-Serbia 3-1 (14-25, 25-20, 29-27, 26-24); Bulgaria-Iran 0-3 (23-25, 23-25, 21-25); Iran-USA 0-3 (25-27, 21-25, 20-25); Serbia-Bulgaria 3-0 (25-23, 25-12, 26-28).
Pool 20 (Lipsia): Polonia-Giappone 3-1 (22-25, 25-19, 27-25, 25-20); Germania-Portogallo 3-1 (28-26, 20-25, 25-10, 25-23); Germania-Polonia 1-3 (19-25, 25-21, 14-25, 23-25); Portogallo-Giappone 1-3 (20-25, 22-25, 25-22, 20-25); Germania-Giappone 2-3 (17-25, 25-23, 25-21, 18-25, 9-15); Polonia-Portogallo 3-0 (25-18, 25-21, 25-20).

CLASSIFICA
Brasile (39 punti) 14 vittorie; Iran (36) e Russia (34) 12 vittorie; Francia (34) e Polonia (30) 11 vittorie; USA (28) 9 vittorie; Argentina (26), Italia (25) e Canada (23) 8 vittorie; Giappone (19) 7 vittorie; Serbia (17) 6 vittorie; Bulgaria (13) 5 vittorie; Australia (13) e Germania (12) 3 vittorie; Portogallo (7) 2 vittorie; Cina (4) 1 vittoria.

ISPEDIA_LEADERBOARD