Zaytsev: “Non vedevo l’ora di riprendere a sudare in palestra, bello carico con l’obiettivo puntato sulla Qualificazione di Bari”

ISPEDIA_LEADERBOARD
FIPAV

Di Redazione

Lo zar è tornato in azzurro, con la giusta carica e voglia di fare bene.

Insieme a lui, a Roma, hanno fatto la prima apparizione in maglia tricolore anche Massimo Colaci e Filippo Lanza aggregati al gruppo che si sta allenando per disputare le Universiadi a Napoli.

Ivan Zaytsev ha già il suo mirino puntato sulla Qualificazione Olimpica di Bari, dal 9 all’ 11 agosto.

Con l’entusiasmo di sempre ha raccontato al Corriere dello Sport di questa estate così particolare e così importante.

La strada per arrivare a Tokyo 2020 parte da Roma?

“La mia Roma mi è mancata, abbiamo trovato il caldo che ci aspettavamo. È un piacere riprendere a lavorare anche se vacanza effettiva non c’è stata. Ho cercato di sfruttare il tempo che non avevo trovato durante il campionato per stare a casa con i figli e con mia moglie Ashling che sta aspettando il terzo bambino (sarà una femminuccia e arriverà a settembre). Non vedevo l’ora di riprendere a sudare in palestra, bello carico con l’obiettivo puntato sulla Qualificazione di Bari”.

Mentre lei e quasi tutti gli altri titolari stavate rigenerando le forze in vista di una stagione lunga e fondamentale, un’altra Italia ha giocato in Nations League ad è andata bene: soprattutto sono andati bene i due tuoi vice: Gabriele Nelli che è stato il suo alter ego al Mondiale dello scorso anno e Giulio Pinali che ha svolto lo stesso ruolo in campionato a Modena

“Sono molto contento perché i ragazzi si sono fatti trovare pronti e vogliosi di dimostrare a tutto il mondo della pallavolo che sanno giocare bene. Molti di quelli che hanno giocato la Nations League purtroppo, per questioni varie e particolari, non riescono a trovare troppo spazio in Superlega. Invece quest’anno sono stati capaci di guadagnarsi la convocazione in Nazionale, hanno messo a disposizione della squadra il loro massimo impegno e mostrato quanta voglia di giocare avevano”.

Dalla possibile qualificazione alla Final Six della Nations League, alla qualificazione più importante, quella olimpica di Bari per cui avete iniziato a lavorare per tempo.

“L’obiettivo principe di questa estate è il torneo di Bari che assegna un posto per Tokyo 2020. Ci faremo trovare pronti. Sono soltanto un paio di giorni che stiamo lavorando a Roma, ma i ritmi sono già abbastanza alti. Perché il desiderio di arrivare a quell’appuntamento al top della condizione fisica è davvero grande e faremo di tutto per riuscirci”.

LEAD_ERBAVOGLIO_ISTITUZIONALE