La Golden League femminile è della Repubblica Ceca. Ko in casa la Croazia di Santarelli

PSG_2019_PREE_LEAD
Foto CEV

Di Redazione

Si era qualificata alla Final Four per il rotto della cuffia, grazie a una gentile concessione delle “cugine” slovacche. Eppure oggi la Repubblica Ceca festeggia il secondo successo in European Golden League femminile della sua storia, battendo in finale a Varazdin la Croazia padrona di casa. Entrambe le squadre voleranno poi in Perù per giocarsi (dal 26 al 30 giugno) la Challenger Cup, con in palio un posto nella prossima Volleyball Nations League.

Le ceche si sono imposte in finale sulla Croazia vincendo in rimonta per 3-1 (18-25, 25-15, 25-22, 25-22) grazie ai 21 punti di una super Andrea Kossanyiova, premiata come MVP della mainifestazione, e a un muro sempre efficace (10 vincenti). Alla squadra allenata dal coach dell’Imoco Daniele Santarelli, che nel quarto set ha sprecato un notevole vantaggio, non sono bastati i 17 punti di Samanta Fabris.

In questo momento non è facile – ha commentato Santarelli – ma sono contento della nostra prestazione e sono convinto che potremo giocarci le nostre chance in Perù. La Repubblica Ceca ha giocato meglio rispetto a noi in difesa e contrattacco, e con una squadra così giovane non è semplice riuscire a risolvere una situazione difficile come quella che si è creata nel quarto set“.

In semifinale la Repubblica Ceca aveva superato la Bielorussia per 3-1, mentre la Croazia si era imposta sulla Spagna sempre in quattro set; la medaglia di bronzo è andata poi alle bielorusse grazie a un netto 3-0 nella finalina.

Semifinali: Repubblica Ceca-Bielorussia 3-1 (25-16, 25-15, 23-25, 26-24); Croazia-Spagna 3-1 (25-21, 25-22, 23-25, 25-20).

Finale terzo posto: Bielorussia-Spagna 3-0 (26-24, 25-17, 25-18).

Finale primo posto: Repubblica Ceca-Croazia 3-1 (18-25, 25-15, 25-22, 25-22).

ISPEDIA_LEADERBOARD