Cremona-Lodi, il bilancio del Trofeo dei Territori – Kinderiadi. Parola ai due coach Barbieri e Piazzi

LEAD_ERBAVOGLIO_ISTITUZIONALE
Ufficio Stampa Abo

Di Redazione

Si è svolto nel territorio dell’Oltre Po Pavese nelle giornate di sabato 8 e domenica 9 giugno il Trofeo dei Territori – Kinderiadi, promosso dal Comitato Regionale Fipav Lombardia e organizzato in collaborazione con il Comitato Territoriale FIPAV di Pavia: il Comitato Cremona – Lodi è sceso in campo sia con la selezione femminile, classificatasi al quarto posto ed allenata da Leonardo Barbieri, che con la selezione maschile, capitanata da Massimo Piazzi, che si è fermata all’ottavo posto.

Esordisce soddisfatto Leonardo Barbieri, selezionatore della squadra femminile: “In accordo con i club abbiamo iniziato il lavoro con la selezione territoriale alla fine del campionato U14F, con l’idea di fare un lavoro intenso in breve tempo per non portare via le risorse atlete alle società. Questa metodologia in questi tre anni ci ha dato ottimi risultati. Dobbiamo crescere, dobbiamo inserire il Regional Day ed altre situazioni a cui penserà la Federazione, ho già parlato con il presidente e sicuramente nei prossimi anni saranno fatte. L’aspettativa era quella di ben figurare tra le società normali, cioè quelle che hanno atlete del territorio e non quelle province che oltre alle ragazze del territorio, essendo club importanti, hanno atlete che vanno a prendere in tutta Italia. Diciamo tra il sesto ed il settimo posto, in proporzione ai risultati ottenuti nelle squadre U14 della fase regionale. Abbiamo però costruito una squadra dove non c’era un blocco di un unico club, c’erano sei-sette società rappresentate: questa situazione ha funzionato, soprattutto nelle prima fase, dove, avendo molte energie, abbiamo ottenuto risultati straordinari, vinto contro Bergamo per 2-0 e contro Brescia per 2-1. Ottima la prova nella seconda fase, con una bella vittoria con autorità contro Pavia e contro Sondrio, le squadre diciamo che hanno i numeri come noi; abbiamo poi pagato un pò il fatto che le nostre ragazze non sono abituate a giocare finali regionali o nazionali, non sono abituate a giocare in modo così intenso per due giorni. Ma non dimentichiamo che siamo arrivati al tie-break contro una corazzata come Varese. Cosa significa tutto questo? Che il livello tecnico ed anche fisico delle ragazze nel complesso è migliorato rispetto a qualche anno fa, grazie al lavoro fatto dagli allenatori, i club, per tutto l’anno. Faccio quindi i complimenti a tutti, perchè se il livello è cresciuto è solo merito loro, vuol dire che ci sono allenatori preparati. Noi ci abbiamo messo del nostro nel costruire una squadra, un gruppo. La strada è quella giusta, servono sempre più società che lavorino in modo importante. Grande soddisfazione, do un 30 e lode alle nostre atlete, hanno avuto il coraggio di giocare contro ragazze che hanno un palmares migliore del loro, significa che abbiamo giocatrici di valore. Sono molto legato al territorio e vedere questa crescita sia delle ragazze che delle società, mi fa davvero piacere“.

Un po’ di amaro in bocca per il selezionatore del gruppo maschile, Massimo Piazzi: “Il trofeo dei Territori per la selezione maschile è andato così e così. Siamo arrivati ottavi, siamo riusciti a vincere su Sondrio, purtroppo siamo in sofferenza sia come movimento che come livello di gioco e questo è stato il risultato, Si è visto un divario tecnico, soprattutto di gioco, rispetto alle altre squadre decisamente più attrezzate ed abituate a giocare ad un livello più alto rispetto a quello che abbiamo espresso noi. Sono comunque soddisfatto del lavoro che abbiamo fatto, perchè il tasso tecnico dei giocatori della nostra rappresentativa è cresciuto; i ragazzi sono stati molto bravi nel seguire il percorso a loro proposto, ma non sono cresciuti a sufficienza per contrastare le altre squadre. Abbiamo bisogno di più tempo per lavorare e per confrontarci con squadre che possano aiutarci ad arrivare ad un livello superiore. I ragazzi si sono espressi comunque positivamente, cercheremo di fare tesoro di questa esperienza, proveremo a fare meglio il prossimo anno ed a piazzarci in una posizione migliore“.

(Fonte: comunicato stampa)

PSG_2019_PREE_LEAD