Seap Aragona, rimonta e vittoria al tie-break contro Castellana Grotte

Sandlovers_LEADERBOARD
Foto Ufficio Stampa Seap Aragona

Di Redazione

Straordinaria vittoria in rimonta della Seap Aragona nella gara 1 della finale playoff per la promozione in B1 contro un ottimo Grotte Volley Castellana.

Al termine di un match epico la squadra del presidente Nino Di Giacomo è riuscita nell’impresa di recuperare due set di svantaggio per poi imporsi al tie-break. Nella splendida cornice del “PalaNicosia” di Agrigento, stracolma di tifosi aragonesi, di tanti appassionati di pallavolo e di addetti ai lavori, va in scena una partita al cardiopalma, bellissima, avvincente e incerta fino alla fine.

Nonostante un avvio di gara sottotono, caratterizzato dai tanti errori in alcuni fondamentali, la compagine di coach Paolo Collavini è riuscita a ricompattarsi e a portare a casa la vittoria in maniera meritata trovando nei momenti decisivi maggiore lucidità e quel pizzico di fortuna che in questo tipo di situazioni non guasta mai.

Il Grotte Volley Castellana, invece, è stata molto sfortunata. Nel primo set ha perso per un infortunio alla caviglia la fortissima centrale Ezia Salamida, mentre la schiacciatrice Valentina Civardi, nel quarto set, è stata colpita da crampi che ne hanno limitato la presenza in campo. La Seap Aragona, invece, col passare dei minuti, è migliorata sotto l’aspetto fisico ed ha chiuso la partita in crescendo. Biancazzurre trascinate da Ilenia Cammisa ancora una volta assoluta protagonista con 26 punti realizzati e dall’ingresso in campo di Carolina Falcucci che ha dato forza alla squadra con i suoi colpi in attacco.

Coach Collavini ha dato spazio ai componenti della panchina ed è stato ripagato, oltre che da Falcucci, anche dalle varie Sara Gabriele e Francesca Cusumano, segno che può contare su validissime alternative alle titolari e che può fare affidamento su tutta la rosa. Il tecnico Collavini ha schierato il sestetto tipo con Baruffi in palleggio, Biccheri opposto, Macedo e Composto centrali, Do Nascimento e Cammisa martelli ricevitori. Nel ruolo di libero ha giocato Marangon. Formazione tipo anche per coach Massimiliano Ciliberti che punta su Di Bert in regia, Loddo opposto, Salamida e Kabunda centrali, Kostadinova e Civardi martelli ricevitori. Sofia Giombetti è il primo libero.

Parte subito forte il Grotte Volley Castellana avanti 6-8 al primo punteggio parziale grazie ad un ottimo gioco di squadra. La Seap Aragona riesce a passare in vantaggio (10-9) con una scatenata Cammisa. Il sestetto biancazzurro aumenta leggermente il vantaggio 13-11 e al termine di questa azione la centrale Salamida, dopo un tentativo di muro, si fa male alla caviglia del piede destro. La sua partita finisce qui, ma le compagne di squadra riescono ugualmente a giocare un’ottima pallavolo e a vincere con merito il primo set 19-25, favorite anche dai tanti errori delle padrone di casa.

Il secondo set è il più bello e avvincente della partita. Una maratona, una battaglia interminabile con scambi prolungati e tante emozioni. Le due squadre sprecano tantissime energie con sorpassi e controsorpassi. Il finale è ricco di colpi di scena con entrambe le formazioni vicinissime al traguardo. Set point a raffica sia per l’Aragona che per il Castellana Grotte, ma alla fine Kostadinova e compagne riescono a spuntarla per 29 a 31.

La formazione pugliese, forte del due a zero, paga lo sforzo fisico dei precedenti set e cala anche nella concentrazione. Nel terzo set coach Collavini ridisegna una Seap Aragona più incisiva sia a muro che in attacco e manda in campo anche le seconde linee. Le mosse del tecnico romano danno i frutti sperati. In particolare la schiacciatrice Falcucci riesce a dare la scossa alla squadra che inizia a credere nella clamorosa rimonta. A metà del terzo set, la formazione aragonese non stacca più la spina e vola a vincere 25-19.

E’ l’inizio di una serata magica, che esalta le ragazze di casa e fa impazzire di gioia i tifosi presenti al “PalaNicosia”. Nel quarto set le ospiti iniziano di gran carriera (3-8), ma l’Aragona non muore mai. La rimonta c’è ed semplicemente favolosa, con un perfetto gioco di squadra. Poi i crampi mettono ko la brava schiacciatrice Valentina Civardi che lascia momentaneamente il campo. Al suo posto la 14enne Recchia, poco esperta per questo tipo di partite. Il Grotte Volley Castellana paga così a caro prezzo la panchina corta. La Seap Aragona approfitta del momento di seria difficolta delle avversarie e vince agevolmente il quarto set 25-16, completando la rimonta.

Anche la fuoriclasse bulgara Kostadinova, classe ’82, è vittima di crampi. Soltanto la Loddo e la centrale Kabunda provano a tenere ancora in partita il sestetto pugliese. Il tie-break è avvincente fin dalle prima battuta. Dopo un inizio equilibrato, la Seap Aragona si porta sul 6 a 3. Il ritorno delle ospiti è veemente e si va al cambio campo con le aragonesi avanti 8-7. La squadra di casa riesce a trovare la giusta determinazione per mettere a segno il break decisivo. La Seap Aragona, trascinata dal suo pubblico, scappa sul 13-10. La fine è vicina ed è nelle mani di Baruffi e Composto che a muro dicono “no” (15-12).

Un’impresa quella compiuta dalla Seap Aragona. La gara di ritorno è in programma mercoledì 5 giugno, alle ore 20, al “PalaGrotte” di Castellana Grotte. Se la formazione argonese dovesse vincere sarebbe promossa in serie B1. In caso di vittoria della squadra pugliese, il tutto è rimandato al match di spareggio che si giocherà nuovamente ad Agrigento, sabato 8 giugno alle ore 18.

(Fonte: comunicato stampa)

LEAD – SOCAF-Acquarial_C