La Golden Tulip Caserta espugna Trento e raggiunge Orvieto in finale

LEADERBOARD_CPCAR_GENERIC
Foto Roberto Muliere/Volalto Caserta

Di Redazione

La Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta è la seconda finalista dei Play Off Promozione di serie A2 femminile. La squadra di Dragan Nesic vince la decisiva Gara-3 sul campo della Delta Informatica Trentino e raggiunge così in finale la Zambelli Orvieto, che aveva già festeggiato la qualificazione lo scorso mercoledì.

Termina con tutto il pubblico del Sanbàpolis, rigorosamente sold-out per l’occasione, in piedi ad applaudire le proprie beniamine e a ringraziarle per il fantastico percorso compiuto dalla Delta Informatica Trentino nel corso di questa straordinaria stagione. Dalla promozione diretta sfumata per un soffio – nonostante la parità di punti con Perugia – solo per un numero di vittorie minore rispetto alle umbre, a questa combattutissima e spettacolare serie di semifinale playoff contro la formazione che già a settembre era accreditata da tutti come la principale favorita per la promozione diretta in A1. La Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta sfata per la prima volta dopo cinque scontri diretti con Trento il tabù del fattore campo nella decisiva gara-3 e stacca così il pass per la finale promozione dei playoff contro la Zambelli Orvieto. Decisivo ancora una volta il duo di palla alta campano Matuszkova – Melli, capaci di mettere a referto la bellezza di 41 punti in due. Nelle file della Delta Informatica Trentino non basta una positiva prestazione di Furlan, autrice di una stagione di primissimo livello ed in questa sfida capace di mettere a terra 13 palloni con 5 muri, e di una McClendon giunta a quota 21 punti personali.

L’inizio è tutto in favore della Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta con la palleggiatrice Dalia che forza il gioco con le proprie centrali e con il turno al servizio al salto di Melli che scava il primo vero solco tra le due squadre (3-9), costringendo Negro a chiamare timeout. Le campane offrono un gioco più efficace e meno falloso con ottime difese ove il muro non riesce ad essere presente, mentre dall’altra parte della rete la Delta Informatica fatica ad entrare in partita (6-13). Negro cambia regista inserendo Carraro per Moncada ma i muri di Frigo su Furlan e Matuszkova su McClendon portano Caserta sul +9 (9-18). Caserta non concretizza le prime cinque palle set grazie al servizio di McClendon e i muri di Fondriest ma ci pensa un muro di Matuszkova su Fiesoli a chiudere la frazione (19-25).

Inizia con un altro piglio il secondo set della Delta Informatica che prende sempre più fiducia nelle proprie armi (4-1). Moncada trova in Furlan una bocca da fuoco importante in attacco ma allo stesso modo onnipresente con il proprio muro e la Delta prende il largo (15-6). Proprio un muro di Furlan su Cella manda in visibilio il Sanbàpolis che inizia a trascinare le proprie beniamine (21-11). Fiesoli con due punti consecutivi, un ace ed una pipe vincente, mette la parola fine al set (25-15).

Come nella prima frazione parte meglio la formazione campana anche nel terzo set con un ace di Dalia che obbliga Negro a fermare il gioco per un timeout (1-5). Uno smash di Mazzon e un successivo ace di Furlan provano a riportare sotto la Delta (5-7) ma due punti consecutivi di Matuszkova riportano Caserta sul +5 (7-12). Melli inizia ad essere un fattore determinante per la Golden Tulip assieme al libero Maggipinto, mentre in casa trentina si spegne la luce (14-21). Negro si gioca la carta del doppio cambio con Carraro e Tosi per Moncada e Mazzon e poco dopo Mason per McClendon. Caserta sciupa due set point prima di concretizzare il terzo con una diagonale di Melli (20-25).

A differenza delle frazioni precedenti la quarta inizia all’insegna dell’equilibrio (4-4). Il primo allungo lo sigla un muro di Furlan su Cella che porta la Delta sul +3 (8-5). Caserta non ci sta e con un turno al servizio al salto di Matuszkova riesce ad impattare nuovamente (9-9). Le due squadre proseguono a pari punti fino a metà frazione (17-17) quando Cella in attacco concretizza al meglio in attacco la difesa di Maggipinto e regala un break decisivo alle ospiti (17-19). Matuszkova al servizio inizia a fare la voce grossa ed i punti che separano le due squadre arrivano ad essere quattro (17-21). La Delta Informatica tenta un’ultima reazione d’orgoglio ma svanisce sull’attacco di Matuszkova che porta Caserta in finale playoff (23-25).

“Meritavamo di più. Questo risultato fa molto male perché, non lo nego, ci meritavamo la promozione – spiega a fine gara Nicola Negro, tecnico della Delta Informatica Trentino – Caserta in queste ultime due partite ha giocato una pallavolo migliore di noi e vanno fatti loro i complimenti. È stata una stagione incredibile e mi lascia con tanto amaro in bocca. Non siamo riusciti ad ottenere la promozione nonostante i 60 punti realizzati ma usciamo decisamente a testa alta. Sono orgoglioso di tutti: atlete, staff, società e tifosi”.

“E’ stata una stagione bellissima, terminata purtroppo con l’amaro in bocca – commenta con le lacrime in volto la capitana Silvia Fondriest – Personalmente la definirei una delle stagioni migliori della mia carriera, abbiamo costruito davvero un gruppo spettacolare. Siamo state più forti dei numerosi infortuni e insieme abbiamo costruito un qualcosa di eccezionale”.

Delta Informatica Trentino-Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta 1-3 (19-25, 25-15, 20-25, 23-25)
DELTA INFORMATICA TRENTINO: Moncada, Fiesoli 11, Furlan 13, Mazzon 10, Mc Clendon 21, Fondriest 11, Moro (L), Mason 1, Carraro, Tosi. Non entrate: Mazzon, Vianello, Baldi (L). All. Negro.
GOLDEN TULIP VOLALTO 2.0 CASERTA: Cella 11, Repice 9, Dalia 3, Melli 19, Frigo 10, Matuszkova 22, Maggipinto (L), Ghilardi. Non entrate: Fucka, Trevisiol, Giugovaz. All. Nesic.
ARBITRI: Selmi, Laghi.
NOTE – Spettatori: 500, Durata set: 26′, 23′, 29′, 31′; Tot: 109′.

(Fonte: comunicato stampa)

Sandlovers_LEADERBOARD