Per Perugia in Champions League è il momento della “remuntada”

LEADERBOARD_GPCAR_2008
Foto: Sir Safety Perugia - Michele Benda/MBVisual

Di Redazione

È arrivata a Kazan ieri la Sir Colussi Sicoma Perugia pronta a sfidare domani pomeriggio alle 18:00 ora italiana i padroni di casa dello Zenit per il ritorno della semifinale con vista verso la Super Finals di Berlino.

Si parte dal 2-3 maturato una settimana fa al PalaBarton con i Block Devils che passano con un successo da tre punti (0-3 e 1-3). Una vittoria russa con qualsiasi punteggio qualifica lo Zenit, in caso di successo bianconero al tie break sarà golden set.

Tutto esaurito alla Saint Petersburg Hall, casa della formazione di Alekno e diretta web sulla piattaforma streaming DAZN con le voci di Andrea Zorzi e Samuele Papi.

Ci credono i ragazzi di Lorenzo Bernardi! Ci credono nonostante le due sconfitte consecutive al tie break maturate proprio con Kazan nel match d’andata e con Monza domenica in gara 2 dei playoff scudetto. Ci credono perché proprio la sfida del PalaBarton ha dimostrato che il divario tra le due formazioni è minimo, perché pochi palloni avrebbero potuto indirizzare il match verso un’altra direzione, perché quando si è in un momento complicato e topico come quello attuale i grandi campioni (e Perugia ne ha tanti) sanno tirare fuori qualcosa in più.

Rifinitura oggi pomeriggio e domattina per la squadra con Bernardi ed il suo staff che impartiranno le ultime indicazioni tecnico-tattiche e con i ragazzi che proveranno il campo di gara per trovare i giusti riferimenti.

Sarà formazione tipo per la Sir Colussi Sicoma con De Cecco in regia, Atanasijevic in diagonale, Ricci e Podrascanin centrali, Leon e Lanza schiacciatori e Colaci libero.

Formazione confermata anche per Alekno, coach dello Zenit, che spedirà in campo al via Butko e Mikhailov in diagonale, Volvich e Samoylenko al centro, Ngapeth ed Anderson in banda e Verbov libero.

Battuta ed attacco saranno ancora una volta fattori determinanti domani con Perugia che dovrà essere più forte degli avversari e di un ambiente che si preannuncia incandescente con i canali di comunicazione dello Zenit che hanno “pompato” molto il match, anche con un po’ di sottile ironia.

Ma proprio in Russia dovrebbero saperlo bene… mai vendere la pelle dell’orso prima di averlo ucciso! Avanti Block Devils!

(Fonte: comunicato stampa)

LEAD_ERBAVOGLIO_ISTITUZIONALE