La Conad Alsenese adesso è in fuga: spazza via Fiorenzula e si isola al primo posto

LEADERBOARD_GPCAR_GENERIC
Foto: Laura Rovellini

Di Redazione

Il balzo più forte per staccarsi da tutti. La Conad Alsenese – nel corso della ventunesima giornata, ottava di ritorno – conquista la vetta solitaria della classifica a quota 49 vincendo il derby interno contro la Pavidea Ardavolley Fiorenzuola per 3-0 (25-20, 25-17, 25-19), ricacciando le rivali (42 punti) fuori dalla zona playoff ed allungando di una lunghezza sul Busa Foodlab Gossolengo, vittorioso al tie-break in casa della Normac Avb Genova.

In un palazzetto letteralmente stracolmo per la terza volta di fila, la serata vissuta da Amasanti e compagne – che centrano il quattordicesimo successo nelle ultime quindici partite e dodicesimo 3-0 stagionale – è di quelle magiche da inserire nei propri annali, soprattutto tenendo conto delle avversarie battute: salire isolati al primo posto battendo in modo così netto la nemica Fiorenzuola resterà in assoluto una soddisfazione indimenticabile benchè, allo stato attuale del campionato, rappresenti solo una delle tappe intermedie verso l’obiettivo finale.

La strada, infatti, per le ragazze di coach Simone Mazza è ancora lunga, seppur meno tortuosa rispetto a prima ma da percorrere con la stessa determinazione mostrata negli ultimi scontri diretti casalinghi – Costa Volpino, Gossolengo e quest’ultimo derby – nei quali si è vista tutta la solidità psicofisica delle gialloblu, sempre più capaci di alzare il livello imponendo la propria legge con chiunque.

A cinque partite dalla fine (tre trasferte) la Conad Alsenese dovrà essere brava a resettare tutto ad ogni weekend per presentarsi a quello successivo col coltello fra i denti finchè non sarà arrivata al traguardo.

Il derby numero sei tra la capolista Conad Alsenese (vittoriosa in tre dei cinque precedenti) e la Pavidea Ardavolley Fiorenzuola, terza in classifica, promette spettacolo e scintille mettendo in palio una posta pesante per entrambe le formazioni: gialloblu per conservare o allungare in vetta, ospiti per rafforzare la zona playoff. Coach Simone Mazza schiera un sestetto già visto altre volte ma leggermente ridisegnato con Candio opposto in diagonale a Lancini, Fanzini-Marc in banda, Fava-Rovellini al centro e Pastrenge libero, mentre mister Roberto Marini dispone Izzo al palleggio, Tosi opposto, Villa-Marini in posto quattro, Cattaneo-Reverberi centrali e Coti Zelati libero.

L’avvio di gara è contratto da ambo le parti (4-4) fino a quando Marc apre il suo personale show firmando 4 dei 20 punti totali in questo primo break (10-6). Non è però un’accelerazione decisa quella della Conad che si lascia recuperare e sorpassare dalle avversarie trascinate il quel frangente da Reverberi e Villa (14-16), prima che nel finale di set le padrone di casa rimettano le testa avanti ancora con Marc (19-17). Nel frattempo Fiorenzuola ferma il tempo mentre coach Mazza toglie Lancini per Visconti al servizio, successivamente pronta anche a fine serata per festeggiare il proprio ventottesimo compleanno con un bel regalo. Cattaneo riporta la parità a quota 20 obbligando l’Alsenese al time-out ma al ritorno in campo sarà un assolo gialloblu firmato da tre marcature di Fanzini, compreso il pallonetto del 25-20.

La seconda frazione vive in equilibrio fino al 12-12 senza acuti particolari, poi sono tre errori consecutivi della Pavidea a spianare la strada alle gialloblu che ne approfittano subito senza fare complimenti ed ampliando il divario (21-14) grazie ad un primo tempo di Rovellini e alla solita Marc, poi avvicendata in seconda linea per rifiatare da Domeniconi. Altri errori, sia da una parte che dall’altra, caratterizzano la parte finale finchè uno dei cinque muri totali di Fava blocchi Reverberi per il 25-17.

Il terzo ed ultimo set parte in salita per la Conad che non riesce a contenere il ritorno di fiamma delle ospiti che volano sul 2-8 in un amen e costringendo coach Mazza a fermare il tempo e soprattutto l’emorragia di punti avversari. Come capita sempre più spesso ultimamente nei momenti di grande e fisiologica difficoltà, il time-out rinvigorisce l’Alsenese che inizia la sua lunga e lenta rimonta, arrivando al 10-11 grazie ad un inedito muro di Candio su Tosi che obbliga Marini a chiamare un break discrezionale. Si apre una breve fase nella quale la Conad non riesce a pareggiare, restando sempre indietro di una incollatura, prima del momento più infuocato del match. Sul 13-15 Tosi attacca decisa ma la coppia arbitrale (fino a quel punto senza abbagli) giudica fuori il pallone scatenando l’ira dei tifosi fiorenzuolani e soprattutto della panchina di Marini, arrivato in campo a protestare con veemenza. L’errore dei direttori di gara purtroppo o per fortuna pesano come quelli degli atleti in campo e la gara sarebbe pronta per ripartire dal 14-15 ma il primo arbitro prima estrae il cartellino giallo per proteste poi qualche istante dopo direttamente quello rosso a Marini, reo di avere palesemente oltrepassato il limite comportamentale nei confronti di avversari e arbitri. Si riprende dal 15 pari, la Pavidea paga il nervosismo e il tifo gialloblu esplode di gioia quando un muro di Lancini su Tosi, un altro di Fava su Cattaneo e un attacco di Marc regalano il 18-15 e il cammino verso il trionfo. Fiorenzuola chiama time-out alla ricerca di una reazione d’orgoglio che genera il 20-19 per un finale ancora incerto. Marc ristabilisce una distanza di sicurezza (21-19), Bratoni e Marini falliscono un ultimo tentativo di rimonta ed infine Candio concretizza con violenza una free-ball per il 25-19 e 3-0 conclusivo che vale la vetta solitaria in classifica.

La soddisfazione di una vittoria può essere molteplice e il successo per 3-0 dell’Alsenese su Fiorenzuola ha tante sfaccettature: sconfitte le nemiche vicine di casa per la quarta volta su sei incontri da quando sono salite in B2, primo posto solitario staccando le altre conterranee di Gossolengo, prestazione solida da grande squadra, una bella cornice di tifo gialloblu, finalmente sempre più frequente, a supporto della squadra e tanti altri motivi d’orgoglio. Per il presidente Stiliano Faroldi una serata da favola da godersi in maniera intensa (con l’ormai tradizionale e pantagruelico banchetto preparato da genitori e amici delle giocatrici) prima di rituffarsi sugli impegni in palestra in vista di un finale di campionato non scontato e non facile: “Mi fa molto piacere essere al primo posto solitario. Le ragazze se lo meritano, stasera hanno fatto una partita quasi perfetta e Fiorenzuola non è riuscita a metterci in difficoltà. Faccio i complimenti al nostro mister Mazza che ha preparato la gara nei minimi particolari, le ragazze lo hanno ascoltato eseguendo quello che era stato chiesto e riuscendo a bloccare le avversarie nei loro fondamentali, senza che riuscissero a rigiocare. La parola promozione non si nomina e si potrà dire quando saremo matematicamente promossi ma adesso ci sono ancora cinque partite, tutte da giocare restando concentrate perchè saranno tutte difficili. Festeggeremo questa bella vittoria nel weekend ma da lunedì ci prepareremo a dovere per la prossima partita, dove affronteremo il Lemen che nel girone di ritorno sta facendo molto bene.”

CONAD ALSENESE-PAVIDEA ARDAVOLLEY FIORENZUOLA 3-0 (25-20, 25-17, 25-19)

Conad Alsenese: Lancini 3, Fanzini 9, Fava 9, Candio 6, Rovellini 6, Marc 20, Pastrenge (L); Domeniconi, Visconti. N.e.: Amasanti, Sajin, Caimi. All.: Simone Mazza, v.all. Alessandro Sartor

Pavidea Ardavolley Fiorenzuola: Villa 6, Cattaneo 8, Reverberi 9, Tosi 6, Izzo 1, Marini 9, Coti Zelati (L); Tonini, Bratoni. N.e.: Ravanetti, Dolera, Zeliani, Ambrosini. All.: Roberto Marini, v.all. Emanuele Piccoli.

Ace: Conad 1, Fiorenzuola. Muri: Conad 12, Fiorenzuola 6. Attacco: Conad 29% Fiorenzuola 23%. Ricezione: Conad 55%, Fiorenzuola 62%.

Arbitri: Benedetta Gennari, Ernest Biniaszewski.

Durata set: 30′, 23′, 29′. Totale: 1h22′.

(Fonte: comunicato stampa)

PSG_2019_PREE_LEAD