Roberto Santilli: “Il nostro campionato conserva, così come il Paese, un po’ il mito per chi è appassionato di volley”

LEADERBOARD_CPCAR_GENERIC
foto CEV

Di Redazione

Un allenatore che, tra i primi, si è messo in gioco, volando all’estero. Roberto Santilli, tornato nel campionato polacco, si è raccontato a “La Gazzetta dello Sport” e di come il nostro campionato sia comunque guardato con interesse:

“L’Italia è sempre l’Italia. A volte all’allenamento mi accolgono mettendo dischi di Toto Cotugno e i Ricchi e Poveri. Il nostro Paese ha sempre grande fascino. Infatti ormai passo il tempo libero a organizzare vacanze”.

La massima serie italiana rimane infatti un campionato di riferimento:
“Le prime tre squadre della Superlega offrono uno spettacolo indubbiamente di altissimo livello, il resto sembra più un altro campionato, di un altro livello. Però vedo che i nostri ragazzi seguono abbastanza da vicino le vicende del campionato italiano, lo seguono su internet, fanno domande. Il nostro campionato conserva, così come il Paese, un po’ il mito per chi è appassionato di volley”.

Spalding_Leaderboard