L’Itas Trentino sarà protagonista dell’anticipo televisivo contro Padova

LEAD_ERBAVOGLIO_ISTITUZIONALE
Foto: Trentino Volley - Trabalza

Di Redazione

Dopo il 3-2 di lunedì sera a Verona, la formazione gialloblù affronta un’altra compagine veneta con l’obiettivo di tornare subito alla vittoria in campionato per difendere la seconda posizione in classifica e per poi concentrarsi, con la mente più libera, sulla gara d’andata di semifinale di 2019 CEV Cup (in programma ad Atene martedì sera).

Gli impegni così ravvicinati che ci attendono ci hanno di fatto obbligato a sfruttare questi giorni di allenamento per preparare entrambi i prossimi appuntamenti ma d’altronde in un periodo così non potevamo fare altrimenti – ha ammesso l’allenatore Angelo Lorenzetti – .

Abbiamo comunque lavorato nel modo giusto, consci del momento che stiamo vivendo e del valore dell’avversario che affronteremo.

Padova è infatti cresciuta molto nel corso di questo campionato, in particolar modo nella fase di cambiopalla, e lo ha fatto nonostante abbia dovuto fare a meno di un giocatore del valore di Randazzo.

In palio ci sono quindi punti importanti, non semplici da ottenere”.

Il tecnico dell’Itas Trentino potrà contare sull’intera rosa di tredici giocatori, che completeranno la preparazione alla BLM Group Arena con gli allenamenti del pomeriggio odierno e della mattinata di sabato.

800^ GARA UFFICIALE DI TRENTINO VOLLEY Sarà un appuntamento significativo per Trentino Volley, indipendentemente dal risultato che ne scaturirà; proprio in tale occasione la Società già cinque volte Campione del Mondo taglierà il nastro delle 800 partite ufficiali nella sua quasi ventennale storia.

Il Club di via Trener ha vinto 557 delle 799 gare già giocate: 290 fra le mura amiche della BLM Group Arena (già PalaTrento) e 267 in trasferta. Il risultato più frequentemente ottenuto è stato il successo per 3-0, conseguito in ben 294 occasioni, mentre il ko rimediato più spesso è stato quello con il punteggio di 1-3 (97 volte).

In totale Trentino Volley ha sostenuto 477 partite di regular season, 111 gare dei Play Off Scudetto, 12 incontri di Supercoppa Italiana, 39 di Coppa Italia mentre in 158 casi si è misurata in una competizione internazionale.

I giocatori che ne hanno totalizzate di più sono Birarelli e Colaci (che sono scesi in campo il 43% delle volte – 345 su 799), mentre a Kaziyski spettano i primati di punti realizzati (4.945 punti in 334 presenze) e del numero di volte che ha indossato la fascia di capitano (204). L’avversaria sfidata sottorete in maniera più assidua è Modena (71 precedenti già alle spalle); curiosamente l’Itas Trentino disputerà tale impegno proprio contro il Club con cui aveva affrontato la prima ufficiale della sua storia fra le mura amiche: il 22 ottobre 2000, match con Padova allora allenata da Angelo Lorenzetti (vittoria per 3-2).

GLI AVVERSARI La Kioene Padova si presenta alla BLM Group Arena nel momento più alto della propria regular season. Sempre a punti nelle ultime sei partite di SuperLega, i bianconeri occupano infatti la settima posizione in classifica a quota 32 punti, con cinque lunghezze di ritardo da Verona, due in più di Monza ma soprattutto sette di vantaggio sul nono posto di Ravenna.

A cinque giornate dalla conclusione della stagione regolare, la qualificazione ai Play Off Scudetto è quindi a portata di mano e suggellerebbe un percorso che ha visto la compagine allenata da Valerio Baldovin dimostrarsi particolarmente ostica da superare, anche per le prime della classe, come dimostrano i punti casalinghi ottenuti con Perugia (3) e Modena (1).

Fra i protagonisti del campionato dei veneti fino al 3-1 sulla Sir Safety Conad c’è stato lo schiacciatore Randazzo, poi un serio infortunio al ginocchio destro lo ha messo fuori causa, ma la Kioene ha comunque trovato le contromisure necessarie, intervenendo sul mercato con l’ingaggio del canadese Barnes, ex Tours.

Fra i punti di forza di Padova ci sono il muro (il quarto del torneo per numero di punti) ed il rendimento di Torres (nono bomber del campionato), del libero Danani (primo ricevitore per media ponderata) e di Volpato, fra i migliori centrali di SuperLega per i numeri mostrati in attacco e a muro.

I PRECEDENTI Trentino Volley e Pallavolo Padova hanno alle spalle una lunga tradizione di sfide, iniziata nel 2000 ed interrottasi solo per due stagioni fra 2012 e 2014 dopo la retrocessione in Serie A2 della Società veneta.

Il bilancio di ventinove gare precedenti di regular season è nettamente favorevole ai colori gialloblù, usciti vincitori in venticinque circostanze; Trento vanta anche una serie, ancora aperta, di diciannove vittorie consecutive che dura esattamente da quattordici anni.

Per trovare l’ultimo successo patavino bisogna infatti risalire al 13 febbraio 2005, quando nell’allora Pala San Lazzaro (oggi Kioene Arena) i padroni di casa si imposero per 3-2. Nei quattordici precedenti giocati a Trento, Padova ha vinto solo una volta: 7 novembre 2004, per 1-3 con l’ex Meszaros mvp.

L’ultimo scontro diretto è datato 24 novembre 2018: 3-1 per l’Itas Trentino nel match del girone d’andata (17 punti di Kovacevic, migliore in campo).
GLI ARBITRI L’incontro sarà diretto da Giorgio Gnani (di Ferrara, in Serie A dal 1997) e Mauro Goitre (di Torino, in massima categoria dal 2008 ed internazionale dal 2016); assieme (a ruoli invertiti) avevano arbitrato anche la sfida del 4 novembre Civitanova-Trento 3-2.

Quel match è stato anche l’unico precedente stagionale rispetto a Trentino Volley di Gnani (alla quattordicesima partita in SuperLega Credem Banca 2018/19), mentre Goitre (all’undicesima partita di questa regular season in corso) aveva diretto anche Monza-Trento 3-2 del 23 dicembre.

(Fonte: comunicato stampa)

LEAD_ERBAVOGLIO_ISTITUZIONALE