Al Vero Volley il carattere non basta: Ravenna si vendica su Soli, Orduna e Buchegger

ISPEDIA_LEADERBOARD

Di Redazione

Cuore e grinta non bastano alla Vero Volley Monza nella sua prima gara del 2019. L’anticipo serale della quarta giornata di ritorno della SuperLega Credem Banca 2018/2019 se lo aggiudica infatti la Consar Ravenna, capace di risolvere la maratona con i monzesi, durata quasi due ore e mezza di gioco, grazie ad uno sprint vincente nel tie-break. I padroni di casa sfruttano il calore del loro pubblico e la tradizione negativa della formazione monzese al Pala De Andrè, ancora una volta tornata a casa senza la vittoria finale, per centrare la vittoria numero sette della stagione. Nonostante sia solo un punto il bottino portato a casa, la squadra di Soli rientra in Brianza con notizie comunque positive. A fare da contraltare all’assenza di Plotnytskyi (per lui riposo dopo un problema muscolare accusato in settimana), c’è il rientro di Paul Buchegger (un suo attacco nella foto), devastante con le sue giocate nel terzo e quarto set e decisivo per la Vero Volley nell’approdo al tie-break. L’opposto austriaco, strano caso del destino, è tornato in campo, per la prima volta con la maglia di Monza, a poco più di quattro mesi di distanza dall’ultima gara ufficiale giocata, proprio contro la sua ex squadra Ravenna, guidando la risalita dei suoi con giocate preziose e determinanti. Per lui 14 punti (50% in attacco) in risposta agli scatenati Rychlicki (MVP della gara con 25 punti, 1 ace e 2 muri) e Russo (13 punti, con 5 muri) per la Consar, bravi a schiacciare forte per la squadra di casa nei primi due set. Nervosismo e tensione invece a fare da padroni nel tie-break, dove la formazione di Graziosi parte avanti 5-0 (complice anche un cartellino rosso ad Orduna all’inizio del gioco), ma viene recuperata grazie alle giocate del duo Dzavoronok-Yosifov (24 e 14 punti, con 3 ace per il primo e 4 muri per il secondo) fino al 9-9. Grande equilibrio nelle battute finali, con Ravenna brava ad accelerare nel momento decisivo 15-13, portandosi a casa la vittoria numero sette su quattordici confronti giocati contro i monzesi. Per la prima squadra maschile del Consorzio Vero Volley, che deve recuperare la sfida della terza giornata contro Vibo Valentia, ora testa alla gara di ritorno contro Belgrado di martedì alla Candy Arena che vale un posto ai quarti di finale della Challenge Cup.

Due errori di Ravenna regalano il break alla Vero Volley (3-1), brava poi a mantenere a distanza i padroni di casa con la giocata dal centro di Yosifov, 4-2. Ace di Russo dopo due errori ospiti a pareggiare i conti per i romagnoli (5-5), ma Monza capace di riallungare con tre giocate consecutive, 8-5. Attacco vincente di Ghafour, ace di Beretta e Monza continua a macinare punti, 10-7. La Consar tenta la reazione appoggiandosi a Russo (12-9), ma l’errore di Argenta in battuta ed il muro di Yosifov su Rychlicki costringono Graziosi al time-out sul 14-9 per la Vero Volley. Due assoli di Rychlicki avvicinano per un momento Ravenna (15-10) ma Monza è sempre avanti, 16-11, grazie a Botto. I ravennate rincorrono con il muro e l’attacco vincente di Poglajen, intervallati dall’ace di Saitta, e Soli chiama time-out sul 16-15 per i suoi. Alla ripresa del gioco sorpasso della Consar con Argenta e Poglajen, 17-16, capace poi di sfruttare l’entusiasmo per piazzare il break (Rychlicki e Verhees), 20-17 ed obbligare Soli a chiamare a raccolta i suoi. All’errore di Beretta in battuta segue quello di Dzavoronok in attacco (22-18), poi Rychlicki a segno, 23-19 Consar. Raffaelli mura Ghafour, portando Ravenna al set-point, ma Monza non molla andando a segno proprio con l’iraniano e Galliani: time-out chiamato da Graziosi sul 24-21. Il mani fuori di Rychlicki chiude il primo gioco, 25-21, per la Consar.

Equilibrio nel prologo (3-3), poi filotto di quattro punti di Ravenna con il muro di Russo su Ghafour e l’ace di Argenta, 7-3 e Soli chiama time-out. Primo tempo di Yosifov e due assoli di Dzavoronok (ace e pipe) consentono a Monza di ricucire lo strappa, 7-6. L’errore di Ghafour dopo quello di Beretta agevola però la discesa della Consar (11-8), interrotta poi dai lampi di Dzavoronok (12-11). Sfida tra Rychlicki e Dzavoronok, entrambi protagonisti nell’andare a segno per le rispettive squadre (15-13). Entra Giannotti per Ghafour, ma Monza non riesce ad incidere né al servizio né in attacco, con Ravenna che ringrazia, scappa sul 18-15 e Soli chiama time-out. Dzavoronok e Galliani avvicinano la Vero Volley (19-17) ma i padroni di casa allungano con Rychlicki e Argenta, 21-17. Attacco vincente ed ace di Galliani, Monza rosicchia qualche punto e Graziosi chiama la pausa sul 22-19 per i suoi. Errore dai nove metri di Poglajen dopo il primo tempo vincente di Verhees (23-20), poi errore di Calligaro in battuta, muro di Russo su Galliani e Ravenna chiude il secondo set, 25-20.

Apertura di terzo parziale identica al secondo (3-3), ma Monza schiera Buchegger al posto di Giannotti. Tetto di Ravenna, primo tempo vincente di Beretta e break Vero Volley, 5-3. L’opposto austriaco della Vero Volley va a segno (7-4), con Beretta e Dzavoronok che gli fanno eco: i lombardi volano sul 10-5, obbligando Graziosi a chiamare time-out. Yosifov a martellare bene per due volte di fila (13-8), poi reazione dei romagnoli con Rychlicki e l’ace di Argenta, 13-11 e Soli chiama la pausa. Muro di Galliani su Argenta dopo la giocata di Dzavoronok (15-11), Russo accorcia per la Consar (16-13) ma sono ancora Galliani e Buchegger a trainare la formazione del Consorzio Vero Volley alla fuga, 18-13, e Graziosi chiama la pausa. Al mani fuori di Dzavoronok rispondono Argenta e Rychlicki per Ravenna (22-18 Monza) e Soli ferma il gioco per provare a spezzare il buon momento dei padroni di casa. Con l’ace di Lavia i romagnoli piazzano un filotto di tre punti (22-19) ma la Vero Volley non cala e chiude il gioco ricambiando gli avversari con la stessa moneta, 25-19.

Muro di Orduna su Rychlicki, errore di Poglajen in battuta e break Vero Volley, 2-0. Ravenna acciuffa la parità (2-2) e gioco che prosegue in equilibrio con qualche errore al servizio da entrambe le parti (8-8). Rychlicki risponde a Buchegger, poi errore in battuta di Verhees, due giocate vincenti di Dzavoronok e nuovo allungo della Vero Volley, 12-9 (time-out Graziosi). Con il turno al servizio di Argenta la Consar piazza un filotto di tre punti e acciuffa la parità (12-12), ma la Vero Volley rinsavisce grazie a Galliani e Buchegger, portandosi sul 14-12. Fase calda del set: i monzesi vogliono allungare ma Ravenna tiene il passo con Rychlicki (attacco vincente ed ace), determinante per il pari, 14-14. Buchegger e Dzavoronok continuano a spingere i lombardi avanti (17-14) e Graziosi corre al riparo chiamando a raccolta i suoi. Alla ripresa del gioco ace di Yosifov, mani out di Rychlicki ma ancora martellata vincente di Buchegger (21-17 Vero Volley). Buchegger spinge per Monza, Lavia per la Consar (22-19), poi Yosifov a bersaglio dal centro, Dzavoronok con l’ace ed i monzesi si portano sul 24-19. La pipe di Poglajen non basta ai padroni di casa (24-20), la Vero Volley chiude il quarto parziale, 25-20, grazie all’errore in battuta di Rychlicki.

Filotto di tre punti di Ravenna in avvio di gioco (3-0) e time-out Soli. Rychlicki per due volte a segno (5-0) e time-out Soli. Errore di Verhees, giocata di Yosifov e Monza accorcia, 6-3. Lavia e Russo portano la Consar avanti al cambio di campo, 8-3. Russo mura Dzavoronok (9-3) ma Yosifov e Dzavoronok (ace) tengono in corsa la Vero Volley, 9-5 e Graziosi chiama time-out. Sale in cattedra Yosifov: due muri del bulgaro su Rychlicki e una giocata vincente dal centro valgono il filotto di cinque punti Vero Volley, 9-8 ed il time-out Graziosi. Si torna a giocare: out la parallela di Rychlicki e pareggio Monza, 9-9. Punto a punto fino al 13-13, poi errore di Buchegger e giocata vincente di Russo che regalano il set, 15-13 e la gara 3-2 a Ravenna.

Le voci del dopo partita, Paul Buchegger (schiacciatore Vero Volley Monza): “È stata una gara molto difficile. Abbiamo iniziato male, poi siamo tornati forte nel terzo set grazie ad una bella reazione. Portiamo a casa un punto comunque prezioso, oltre alla consapevolezza delle nostre capacità di risalire nei momenti difficili. Sicuramente iniziare il tie-break con uno svantaggio importante non ci ha consentito di approcciarlo al meglio. Anche sotto, però, siamo rientrati con qualità, sfiorando la vittoria. Ora testa alla sfida contro Belgrado in Challenge Cup, che dovremo cercare di chiudere nel minor tempo possibile per conservare energie per le prossime gare che ci aspettano. Come mi sento? Bene, anche se oggi non pensavo di entrare. Sono davvero felice di aver aiutato la squadra. Questo gruppo può fare grandi cose”.

Consar Ravenna – Vero Volley Monza 3-2 (25-21, 25-20, 19-25, 20-25, 15-13)
Consar Ravenna: Poglajen 8, Verhees 3, Argenta 9, Rychlicki 25, Russo 13, Saitta 3; Goi (L). Frascio (L), Raffaelli 1, Elia, Lavia 6. N.e. Di Tommaso, Smidl, Marchini. All. Graziosi.
Vero Volley Monza: Botto 4, Beretta 12, Orduna 1, Dzavoronok 24, Yosifov 14, Ghafour 3; Rizzo (L). Calligaro, Galliani 7, Arasomwan, Giannotti, Buchegger 14. N.e. Buti. All. Soli.

NOTE
Nel quarto set, sul 20-17 per Monza, cartellino rosso a Rychlicki e Dzavoronok per proteste
All’inizio del quinto set cartellino rosso ad Orduna per proteste

Arbitri: Frapiccini Bruno, Braico Marco

Durata set: 30’, 29’, 28’, 29’, 21’; totale 2h17’

Consar Ravenna: battute vincenti 7, battute sbagliate 15, muri 12, errori 25, attacco 43%
Vero Volley Monza: battute vincenti 5, battute sbagliate 20, muri 9, errori 36, attacco 47%

Impianto: Pala De Andrè di Ravenna

Spettatori: 1913

MVP: Kamil Rychclicki (schiacciatore Consar Ravenna)

(Fonte: comunicato stampa)

ISPEDIA_LEADERBOARD