B1 femminile, un 2018 da livelli record per il Volley Offanengo

LEAD – SOCAF-Acquarial_C
foto Molaschi

Di Redazione

Dodici mesi ricchi di emozioni e soddisfazioni, qualche difficoltà, ma con un dato di fatto indiscutibile: l’aver raggiunto il punto più alto fin qui della storia societaria. In casa Volley Offanengo 2011, la trama del “film” del 2018 è avvincente, con un copione con diversi colpi di scena.

Nell’anno solare agli sgoccioli, infatti, la prima squadra neroverde ha centrato per la prima volta i play off per l’A2, confermandosi ora in B1 dove nel 2019 cercherà una rimonta verso i piani alti partendo dall’attuale ottavo posto.

La prima tappa sarà il giorno dell’Epifania a Garlasco, con la stessa data che aveva inaugurato il film 2018, con il prezioso successo (1-3) ad Albese contro la Tecnoteam che ha regalato il terzo posto alla squadra di coach Nibbio. Nei giorni successivi, diversi movimenti di mercato, contando anche il grave infortunio accorso a Giorgia Rancati (menisco e crociato): al lato in arrivo Boldrini, con la centrale Rettani girata in prestito proprio ad Albese, mentre in prima squadra viene promossa la giovane Russo (2001). Un gennaio da favola per l’Abo, che il 14 gennaio agguanta il secondo posto grazie al 3-0 contro il Brembo, mentre il 21 fa crollare il fortino del Palau (0-3) dopo quasi due anni.

Febbraio coincide con l’inizio del girone di ritorno, costellato dai successi contro Parella (1-3 a Torino il 3 febbraio) e Acqui Terme (3-0 al PalaCoim il giorno 11, festeggiando la tredicesima vittoria stagionale). Il filotto d’oro (otto vittorie) si interrompe nel tie break di Trescore Balneario (17 febbraio) contro il Don Colleoni, seguito invece dal pronto riscatto a Cagliari di sette giorni dopo (0-3).

Offanengo resiste al secondo posto del girone A di B1 grazie al 3-1 contro Garlasco (4 marzo), ma scende di un gradino il 10 marzo complice il 3-0 subìto a Vigevano, che si conferma bestia nera di Porzio e compagne. Il 18 marzo arriva il secondo ko consecutivo, con la capolista Pinerolo che impone la legge del più forte al PalaCoim. Ancora una volta, l’Abo reagisce (tre punti a Gorla il 24 marzo), poi ad aprile si gioca il rush finale play off. Adrenalina a mille domenica 8 al PalaCoim con il 3-2 in rimonta contro Settimo, poi il 28 aprile a Mapello il 3-0 al Brembo (arrivato dopo il ko di Lurano e il successo interno contro Albese) vale la storica qualificazione ai play off per l’A2 con una giornata di anticipo.

Maggio è la resa dei conti: il 5 ultimo match ininfluente perso contro Palau, conoscendo al contempo l’avversaria degli spareggi, Talmassons. Per Offanengo, il sogno-A2 dura poco: doppia sconfitta per 3-1 tra il 12 maggio (in Friuli) e il 16 (al PalaCoim) nei quarti di finale e giù il sipario su una stagione comunque ben al di sopra delle aspettative di una matricola. La prima pietra della nuova “casa” viene posata il 25 maggio con il prolungamento dell’accordo con il ds Stefano Condina, mentre tre giorni dopo viene ufficializzato l’accordo con coach Giorgio Nibbio, che si appresta a vivere il quarto anno sulla panchina cremasca.

Giugno, invece, fa rima con il mercato della rosa, completata in 22 giorni. Si parte dalla diagonale di posto quattro, confermata in toto con capitan Noemi Porzio (7 giugno) – top scorer di squadra con 492 punti – e Francesca Dalla Rosa (ventiquattro ore dopo) nuovamente protagoniste. Il 9 giugno è invece il giorno del primo “botto”: da Pinerolo (e neopromossa in A2) arriva la centrale toscana Lisa Cheli, reparto rinnovato anche con l’arrivo di Francesca Gentili (13 giugno), mentre viene confermata la giovane Stefania Russo (12 giugno). Il ds Condina porta avanti anche il discorso-laterali: l’11 viene rinnovata la fiducia a Giorgia Rancati, mentre tre giorni dopo viene promosso in B1 il prodotto locale Virginia Marchesi (2001). Non c’è tregua: il 15 giugno si conoscono le mani che dirigeranno il gioco: saranno quelle di Cecilia Nicolini, con la linea verde completata il giorno successivo con la promozione interna di Angelica Colombetti, classe 2002 e la più giovane della squadra.

C’è chi resta, chi va e anche chi torna, come l’altra regista Gaia Raimondi (18 giugno), anche tecnico delle giovanili, mentre l’ultima decade di giugno completa le ultime due tessere del mosaico 6+1: il 21 viene ufficializzato il nuovo libero, Alice Giampietri, mentre il 29 si chiude il mercato con l’opposta Veronica Minati.

Un mercato di primissimo piano, crescono gli sponsor e la visibilità come si nota a luglio, mese dove Offanengo rinnova la collaborazione con l’ANFFAS Onlus Crema (3) e conosce compagne di viaggio (20 luglio) e calendario (28). Agosto tempo di vacanze, ma con una buona notizia: Giorgia Rancati sarà pronta per la nuova stagione che partirà ufficialmente il 26 con il raduno al PalaCoim, dove la squadra riceve subito un’ondata di affetto da parte del territorio. Tanti tifosi, uno in più: in una festa paesana, il 29 giugno, si aggiunge anche il celebre giornalista cremasco Beppe Severgnini.

Il 9 settembre c’è il bagno di folla in piazza Patrini a Offanengo, dove vengono presentati i nuovi sponsor (Chromavis, Coim e Banca Mediolanum) e la nuova denominazione della prima squadra, ora targata Chromavis Abo. Intanto, la “creatura” pallavolistica muove i primi passi in campo, sicuramente incoraggianti. Il pre-campionato è perfetto, con il successo nella prima amichevole del 12 settembre (4-0 con Emar Plast Cappu Volley) e i successi nei tornei locali Duemme (15 settembre) e Taverna (6 ottobre) inframezzati dall’urrah in Liguria a Carcare (23 settembre).

Ottobre, però, fa rima con campionato e la marcia ingranata è quella giusta: debutto vincente ad Acqui Terme (3-0 sabato 13) e stesso discorso domenica 21 al PalaCoim contro Parella. Il giorno 25 la prima squadra visita lo stabilimento Chromavis di Vaiano, mentre due giorni incassa il primo ko a Busto Arsizio (3-1). E’ l’inizio del periodo negativo di Offanengo, che paga un novembre in ombra: il 4 cede al tie break contro Lecco, mentre il 10 crolla a Vigevano (3-0). Il 3-0 interno contro il Lilliput (18 novembre) è un sospiro di sollievo, che però dura poco, perché il 24 novembre arriva il quarto ko stagionale a Trescore. Quattro giorni al PalaCoim schiacciate di lusso a fine di bene con Offanengo, Pomì e Club Italia CRAI a braccetto per l’ANFFAS, mentre il dicembre della Chromavis Abo si apre domenica 2 con il ko casalingo nel derby provinciale con Ostiano (1-3).

Il lunedì porta alla separazione delle strade con coach Giorgio Nibbio, con il nuovo tecnico ufficializzato il giorno 6: è l’ex Crema (e non solo) Leonardo Barbieri, che due giorni dopo inizia con un 3-0 a Varese per poi bissare il 16 a Offanengo con un altro rotondo successo contro Palau. E’ tempo di Natale: il 20 al PalaCoim Derby della solidarietà con l’Esperia Cremona a favore dell’ANFFAS Onlus Crema prima della cena societaria (160 presenze) della sera dopo a Orzinuovi.

(Fonte: comunicato stampa)

LEAD – SOCAF-Acquarial_C