Domani a Trento il match d’andata degli ottavi di finale della Cev

LEADERBOARD_GPCAR_GENERIC
Foto di Trentino Volley

Di Redazione

Dopo aver conquistato e poi confermato il secondo posto in classifica nel campionato italiano, Giannelli e compagni si rituffano immediatamente nelle competizioni internazionali ed in particolare in CEV Cup, manifestazione europea che sin qui li ha visti protagonisti solo in un turno precedente (i sedicesimi di finali), caratterizzato da due nette vittorie per 3-0 sui Campioni di Svizzera del Losanna.

Nel secondo doppio impegno dell’avventura continentale la Trentino Itas sfiderà una fra le formazioni più attrezzate di Germania; il match contro l’Haching aprirà oltretutto un periodo natalizio particolarmente intenso per la formazione di Angelo Lorenzetti, che fra giovedì 20 e e la fine del 2018 scenderà in campo quattro volte, tenendo conto anche delle trasferte a Monza (23) e Siena (26) e dell’incontro casalingo con Sora (29).
“Pensiamo ovviamente solo ad una partita alla volta, anche perché quella che ci attende giovedì sera è una partita da prendere con le molle – presenta così il match l’allenatore marchigiano – . Affronteremo la sorpresa del campionato tedesco, una formazione che ha legittimato il proprio primo posto in Bundesliga battendo le principali avversarie Berlino e Friedrichshafen. Tradizionalmente in Germania si gioca una pallavolo molto votata alla fase di break point; dovremo quindi lavorare bene sul nostro cambiopalla e, più in generale, porre molta attenzione ai momenti importanti che la partita ci proporrà”.

La Trentino Itas si presenterà al match d’andata degli ottavi di finale senza particolari problemi di formazione e completerà la preparazione fra gli allenamenti di questa sera e di giovedì mattina.

54^ GARA INTERNAZIONALE ALLA BLM GROUP ARENA
Giovedì sera l’impianto di via Fersina ospiterà la cinquantaquattresima partita europea casalinga della storia di Trentino Volley, la trentesima di sempre in CEV Cup, dove sino ad ora ha vinto in ventiquattro circostanze (uniche cinque sconfitte: due con Ankara nell’edizione 2005, una con Mosca in quella 2015, una col Fenerbahce e Tour in quella 2017). Il Club di via Trener in questo caso disputerà la 785^ gara ufficiale della sua storia, la 155^ internazionale (bilancio: 126 vittorie e 28 sconfitte).

GLI AVVERSARI
A Trento arriva la squadra che sin qui ha dominato il primo scorcio di Bundesliga. L’Hypo Tirol AlpenVolleys Haching guarda infatti tutti dall’alto nel campionato tedesco, forte di otto vittorie in altrettante partite e di appena un punto concesso agli avversari sui ventiquattro disponibili.

L’unione fa quindi la forza perché questa Società è stata fondata solo nel 2017 dalla fusione di due rinomate realtà di nazioni differenti, ma confinanti: l’austriaca Volleyballteam Innsbruck e la tedesca TSV Unterhaching, che fra il 2009 ed il 2013 aveva ottenuto ottimi risultati nella Bundesliga prima di ritirarsi dal torneo nel 2014.

La concessione, nel 2017, di una wild card per giocare nuovamente il massimo campionato ha convinto i due club ad unire le risorse e a presentare una squadra condivisa, che disputa la maggior parte delle partite di Bundesliga in Austria e quelle di CEV Cup, come accadrà con la Trentino Itas, invece ad Haching (città dell’Alta Baviera di 25.000 abitanti, che si trova a pochi chilometri a sud di Monaco).

La formazione biancoblù, classificatasi al terzo posto in patria nella precedente stagione, è affidata alle mani del tecnico Stefan Chrtiansky sr (già storico tecnico di Innsbruck e padre del giocatore che militò a Trento nella stagione 2012/13), che nel suo staff può contare anche sul preparatore atletico Martin Poeder (con Trentino Volley fra il 2009 ed il 2017).

La rosa ha un profilo prettamente internazionale e dispone dell’opposto australiano Hodge (ex Lagonegro), di quattro brasiliani (fra cui il palleggiatore titolare Gelinski, lo schiacciatore De Leon ed il centrale Douglas), due austriaci (fra cui il libero della Nazionale Ringseis), un polacco (il martello Halaba), un russo (l’opposto Klets), uno statunitense (il centrale Pollock, ex Roma) e solo un tedesco (lo schiacciatore Sagstetter).

I tirolesi si presentano a questo appuntamento dopo aver superato al tie break domenica sera ad Innsbruck il Friedrichshafen (che disputa la Champions League) e dopo aver eliminato nel doppio turno precedente i serbi del Novi Sad. La rosa dell’Hypo Tirol AlpenVolleys Haching: 1. Florian Ringseis (l), 2. Thomas Hodges (o), 3. Krill Klets (o), 4. Matthew Pollock (c), 5. Jonas Sagstetter (s), 6. Danilo Gelinski (p), 10. Hugo De Leon Guimaraes Da Silva (s), 11. Pedro Henrique Frances (c), 13. Pawel Halaba (s), 14. Douglas Duarte Souza Da Silva (c), 15. Niklas Kronthaler (s), 16. Daniel Koncal (p). Allenatore Stefan Chrtiansky Sr.

LA FORMULA E GLI ALTRI INCONTRI
La 2019 CEV Cup prevede la disputa di sei doppi turni (andata e ritorno) di gare (Trentaduesimi, Sedicesimi – già giocati – , Ottavi, Quarti, Semifinali e Finale) ad eliminazione diretta: supera il turno la squadra che nell’arco delle due sfide ottiene il maggior numero di punti, assegnati come in campionato: 3 per la vittoria per 3-0 o 3-1, 2 per il successo al tie break, 1 per la sconfitta al tie break (golden set a 15 in caso di parità di punti – stesso sistema dei Playoffs 12 di CEV Champions League). Chi passa il turno affronterà nei quarti di Finale la vincente del confronto fra Amriswil e Brcko.

Le altre gare d’andata degli ottavi di finale: giocata martedì Dukla Liberec (Cze)-Galatasaray Istanbul (Tur) 2-3; stasera: Lindaren Volley Amriswil (Sui)-Ok Mladost Brcko (Bih), Istanbul BBSK (Tur)-Olympiacos Piraeus (Gre), Viking Tif Bergen (Nor)-Neftohimic 2010 Burgas (Bul), Cv Teruel (Esp)-Lindemans Aalst (Bel), Kuzbass Kemerovo (Rus)-Indykpol Azs Olsztyn (Pol); giovedì: Kladno Volejbal Cz (Cze)-Ford Store Levoranta Sastamala (Fin). Le gare di ritorno si disputeranno fra il 15 e 17 gennaio: Hypo Tirol AlpenVolleys Haching-Trentino Itas verrà giocata martedì 15 gennaio alle ore 19 ad Untherhaching (Germania).

(Fonte: comunicato stampa)

LEAD_ERBAVOGLIO_ISTITUZIONALE