La Geosat Geovertical Lagonegro si prende tre punti contro Livorno

LEADERBOARD_GPCAR_2008

Di Redazione

Mister Montagnani sceglie la diagonale Jovanovic-De Sanctis, schiacciatori Zonca-Wojcik,  centrali Maccarone e Paoli ed infine Pochini libero.

Mister Falabella sceglie il solito sestetto dovendo ancora fare a meno di Galabinov quindi sceglie Pedron-Boswinkel, Barreto e Del Vecchio schiacciatori, Fortunato libero.

I primo set molto equilibrato: a turno conducono per due lunghezze prima il Lagonegro poi il Livorno.Nel finale sono più bravi i lagonegresi ad riagganciare gli ospiti e a chiudere il set.

Inizio equilibrato con la Geosat Geovertical che conduce il gioco seppur di sole due lunghezze. Il pareggio arriva sul 11mo punto . Quando provano ad andare in vantaggio gli ospiti (13-15) mister Falabella chiama il tempo ma al rientro i lagonegresi devono rincorrere ancora il Livorno. Al centro si fanno sentire sia Marra che Colonico (18-19) e il vantaggio si assottiglia nuovamente. Riprovano a portarsi in vantaggio i livornesi ma prima Del vecchio (22-23) e poi Boswinkel (24-23) trova il vantaggio è il primo set è dei biancorossi in un PalaAlberti letteralmente infuocato.

Secondo set inizia con due ace prima di Barreto (3-1) e poi di Marra (5-2) che portano i lagonegresi in vantaggio. Incrementa la distanza tra le due formazioni e mister Montagnani è costretto a chiamare il tempo (11-8):  al rientro la Geosat subisce un break e gli ospiti con un ace di De Santis si portano a-1. Ora è Falabella a chiamare i 30’e al rientro riprende l’avanzata … biancorossa : il solito Boswinkel ci prova con un pallonetto (14-12) poi Barreto con la pipe allunga nuovamente (16-13) ed il PalaAlberti è completamente in delirio. Galvanizzati dall’ottima prestazione i lagonegresi chiudono il set, lasciando ben poco agli uomini di Montagnani.

Nel terzo set arriva la reazione del Livorno che, dopo un iniziale parzialità trova il primo importante vantaggio che costringe Falabella a chiamare il tempo (10-13). Non riescono a rimettere in campo la prestazione vista nei set precedenti gli uomini di Falabella che chiama nuovamente i 30’. Prosegue però il vantaggio ospite e Falabella sceglie di fare il solito cambio della diagonale palleggiatore opposto, con Maccabruni e DiCoste al posto di Boswinkel e Pedron. Sul 15-22 entra in gara al posto di Delvecchio anche Galabinov che dopo il periodo di recupero, ritorna a giocare al PalaAlberti. Nulla può assottigliare il vantaggio livornese e il set scorre facilmente nelle mani degli uomini di Montagnani che accorciano le distanze.

 Il quarto si rivede ben presto la Geosat Geovertical combattiva di inizio gara con lo stesso sestetto e Barreto che porta i suoi sul 5-1 con un ace che fa esplodere ancora una volta il PalAlberti. Ritornano in parità (6-6) gli ospiti, ma più per gli errori dei lagonegresi . Il solito Boswinkel si fa carica di riportare i suoi in vantaggio: l’ace del 9-6 rimette il set nella mani della Geovertical. Sul 13-8 il tecnico livornese chiama il tempo ma al rientro è sempre la Geosat a scandire il gioco: attacchi precisi, muri che bloccano gli avversari, ace che allungano il vantaggio si va sul 18-9. Il finale ormai è solo biancorosso Del vecchio sigla il +10 (23-10) Boswinkel prima il 24 e poi chiude la gara nel delirio.

“Ottima la reazione nel primo e nel quarto – dichiara un soddisfatto Falabella a fine gara – due vittorie consecutive sono importanti, continuiamo cosi a lavorare e a giocare, ci prenderemo altre soddisfazioni”.



GEOSAT GEOVERTICAL LAGONEGRO-ACQUA FONTEVIVA LIVORNO 3-1 (25-23, 25-19, 18-25, 25-14)

Geosat GeoverticalLagonegro: Maccabruni, Fortunato, Calonico 9, Del Vecchio 14 , Pedron 1, Boswinkel 19, Turano, Di Coste , Maiorana, Sardanelli, Marra 7, Barreto 14, Galabinov. All. Falabella

 Acqua Fonteviva  Apuana Livorno: Briglia, Loglisci 2, Grieco, Paoli 8, Zonca 16, Bacci , Minuti, Wojcik 14, Pochini, Jovanovic 2, De Sanctis 5, Facchini, Maccarone 5. All Montagnani

Lagonegro 7 muri, 8 ace,  15 err in battuta, 53% in attacco, 46% (25%) in ricezione

Livorno 8 muri,  6 ace, 14 errori in battuta, 43% in attacco,  33% (17%) in ricezione.

Timing: 26’, 28’, 28’, 22’. Tot 1 h 44′

(Fonte: comunicato stampa)



LEADERBOARD_GPCAR_2008