Buona la prima per i ragazzi di coach Soli: battuta la VK Parnu nella Challenge Cup

Sandlovers_LEADERBOARD
Ufficio stampa Vero Volley

Di Redazione

Esordio europeo vincente per la Vero Volley Monza che passa 3-0 sul campo della Sport Hall di Parnu contro i padroni di casa della VK Parnu. La formazione di Fabio Soli fa sua così l’andata dei sedicesimi di finale della Challenge Cup 2018/2019 contro la squadra di Keel, mettendo delle buone premesse sul ritorno, in programma mercoledì sera, alle ore 20.00, alla Candy Arena di Monza.

A martellare forte per i monzesi Dzavoronok, Plotnytskyi e Ghafour (13, 12 e 10 punti a testa, con due ace e due muri per il secondo), ben imbeccati da un preciso Orduna, protagonista anche con degli importanti turni al servizio. Fondamentale anche l’apporto dei centrali Beretta e Yosifov, entrambi tempestivi in attacco (7 punti a testa, con il bulgaro autore di 2 muri) e Rizzo in difesa. A schiacciare forte per i padroni di casa Neves, top scorer della gara con 17 punti, di cui un ace, ma incapace di guidare i suoi al recupero, calati nella costanza e nell’entusiasmo dopo aver perso il primo gioco ai vantaggi.

LE DICHIARAZIONI POST PARTITA

Santiago Orduna (palleggiatore Vero Volley Monza): “Stasera la chiave è stata sicuramente rimanere concentrati. Dopo un primo set molto tirato, in cui ci hanno messo in difficoltà, abbiamo avuto la lucidità di rimanere sempre incollati, allungando nel momento decisivo. Dopo la prova con Perugia non era semplice mantenere un approccio concentrato ed invece siamo stati bravi a farlo, portando a casa un bel 3-0 che era quello che volevamo.”

IL TABELLINO

Parnu VK – Vero Volley Monza 0-3 (28-30, 18-25, 21-25)

Parnu VK: Svans 8, Keel 1, Kovalov 9, Nassar 6, Neves 17, Leppik 8; Maar (L). Maier, Ozolins 1. N.e. Lilles, Voogel, Pool Mhait, Parrol. All. Keel.

Vero Volley Monza: Plotnytskyi 12, Beretta 7, Ghafour 10, Dzavoronok 13, Yosifov 8, Orduna 1; Rizzo (L). Calligaro 1, Galliani, Giannotti. N.e. Botto, Arasomwan, Buti, Picchio. All. Soli.

Arbitri: Burheim Ellen Mari, Berdnikov Maxim

(Fonte: comunicato stampa)

 

LEAD_ERBAVOGLIO_ISTITUZIONALE